Politica

Disconoscimento cittadinanza a Mussolini, Progressisti Signa: “Non siamo soddisfatti”

"La risoluzione adottata infatti risulta, secondo noi, politicamente debole e culturalmente vaga"

Disconoscimento cittadinanza a Mussolini, Progressisti Signa: “Non siamo soddisfatti”
Piana Fiorentina, 12 Novembre 2020 ore 18:03

Disconoscimento cittadinanza a Mussolini, Progressisti Signa: “Non siamo soddisfatti”

 

I Progressisti per Signa prendono atto dell’approvazione avvenuta durante il consiglio comunale di lunedì 9 novembre di un generico “disconoscimento”
della cittadinanza onoraria concessa a Benito Mussolini nel 1924. La discussione, al di là della ricostruzione storica dell’accaduto, non si è concretizzata quindi con l’approvazione di un atto chiaro di annullamento della delibera fatta al tempo. Non è stata presa in alcuna considerazione la posizione precedentemente espressa dalla nostra lista e per questo esprimiamo il nostro dissenso in merito  scelta di non procedere all’approvazione di un atto di REVOCA di quel provvedimento da parte del Consiglio Comunale di Signa. La risoluzione adottata infatti risulta, secondo noi, politicamente debole e culturalmente vaga. A nostro parere andava dato un segnale chiaro con l’approvazione di un atto in grado di sanare una lacuna che si protrae da decenni, essendo il Comune di Signa l’unico della zona a non aver ancora proceduto alla revoca della cittadinanza onoraria al dittatore fascista Benito Mussolini. Teniamo a precisare che non si vuole cancellare la storia. L’approvazione di un atto come quello da noi richiesto non è un depennare la storia, perché la storia non si cancella e non nega che quel provvedimento sia stato adottato. La storia non è solo il passato ma è anche il presente. Il presente di ciò che donne e uomini decidono oggi, con profondo spirito democratico, rispetto proprio a quel passato.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità