POLEMICHE

Accumulatore di energia a Fauglia, dilaga la preoccupazione dei residenti ma l'esito sembra scritto

I lavori al nuovo impianto di accumulo a batteria dovrebbero iniziare entro il 2025. Gli abitanti temono l'impatto ambientale e paesaggistico

Accumulatore di energia a Fauglia, dilaga la preoccupazione dei residenti ma l'esito sembra scritto
Pubblicato:

Preoccupazione dilagante tra gli abitanti di Fauglia, comune della provincia di Pisa, dove presto sorgerà il cosiddetto Bess, un impianto di accumulo a batteria da 50 Mw progettato da Fotowatio, azienda spagnola di proprietà della multinazionale saudita Abdul Latif Jameel. Le polemiche dei residenti - che da tempo hanno già definito "mostro" la costruzione - sono legate all'impatto a livello ambientale e di paesaggio che un sistema di questo tipo potrebbe avere nel verde del cuore delle colline pisane.

"Interesse nazionale" ma i cittadini dicono no

Il progetto è stato nel frattempo autorizzato dal Ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica. Il governo infatti lo ha classificato com di "interesse nazionale". L'impianto di accumulo elettrochimico dell’energia elettrico sarà costituito da 56 container contenenti enormi batterie e servirà per l’erogazione di servizi necessari alla Rete di trasmissione nazionale.

L'operazione, come detto, è stata autorizzato e tutto già è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale. I lavori dovrebbero essere avviati entro il 2025 ma la popolazione non ci sta. I cittadini di Fauglia ed in particolare della frazione di Luciana - sulla cui collina sorgerà il Bess - proveranno ancora ad opporsi. Il primo passo è stato la costituzione di un comitato per potersi battere in tutte le sedi.

Ricorso impossibile?

"Ci è piovuto tutto addosso e c'è davvero poco che possiamo fare - disse mesi fa Alberto Lenzi, sindaco di Fauglia -. Mi sono anche attivato con la Regione Toscana. Sappiamo che l'impianto sarà strategico per i territori di Pisa e Livorno".

Bene poco da fare. Sì perché il terreno sul quale giacerà l'impianto è stato acquistato da privati. Un esborso di 53 milioni di euro totale per la realizzazione (si parla di terreno venduto a circa 100mila euro all'ettaro). In attesa di capire quando avverrà l'esatto inizio dei lavori, si pensa ad un ricorso, il quale ad oggi pare essere impossibile.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali