Menu
Cerca
Tema caldo

Sicurezza sul lavoro e reputazione del distretto pratese, Confindustria Toscana Nord difende le imprese

Sicurezza sul lavoro e reputazione del distretto pratese, Confindustria Toscana Nord difende le imprese
Economia Prato, 22 Maggio 2021 ore 15:21

Al cordoglio per le vite spezzate sul luogo di lavoro si sommano ora le preoccupazioni per gli effetti economici, potenzialmente gravi, di una cattiva reputazione del distretto pratese in tema di sicurezza sul lavoro.

Sicurezza sul lavoro e reputazione del distretto pratese

Prato vive di moda, un settore verso cui la sensibilità per i temi etici è particolarmente forte: un punto di forza per il distretto, ottimamente posizionato a livello regionale e nazionale su tutti i fronti, da quello della sostenibilità dei processi produttivi alla responsabilità sociale per i temi del lavoro. Non sono opinioni interessate, ma fatti riscontrabili. Rispetto alla sicurezza sul lavoro sono gli stessi dati Inail a dirlo: le denunce per infortunio sono nel manifatturiero pratese nettamente inferiori alla media regionale, a sua volta leggermente inferiore alla media nazionale. Nel specifico del settore tessile, Prato è storicamente in linea con i dati - molto buoni - regionali e nazionali, anzi è lievemente migliore.

I due tragici infortuni in cui hanno perso la vita i giovani Sabri e Luana hanno indotto qualcuno a formulare su Prato - tutta Prato, con generalizzazioni inaccettabili - giudizi alimentati da un'onda emotiva comprensibile ma infondata. Un recentissimo servizio televisivo nazionale è arrivato a parlare di un distretto che si regge sullo sfruttamento, con forzature evidenti: se si va solo e soltanto in contesti degradati e problematici ignorando le imprese corrette (la maggioranza) e le eccellenze,  si fanno operazioni di comunicazione tendenziose e inattendibili. Confindustria Toscana Nord ha chiesto formalmente all'emittente, ieri, una rettifica e ha preannunciato possibili azioni legali a tutela dell'onorabilità del sistema economico pratese.

"Siamo nel mirino, dobbiamo esserne consapevoli. La storia recente del nostro distretto è costellata di crisi reputazionali dovute a frange più o meno estese di imprese che operano, talvolta anche sistematicamente, nell'illegalità - dichiara il vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Francesco Marini -. Di questo l'Unione industriale pratese prima, Confindustria Toscana Nord poi, è sempre stata consapevole e, a differenza di altri soggetti, non ha mai negato questa realtà ma viceversa ha bussato e bussa a tutte le porte perché queste degenerazioni siano arginate. Siamo sempre stati consapevoli che le aziende oneste hanno tutto da perdere da situazioni del genere, ma abbiamo predicato nel deserto per anni, chiedendo che fossero fatti controlli alle aziende, sottolineando sempre che, nonostante la presenza di sacche particolarmente a rischio come quelle delle imprese cinesi, la vigilanza non doveva conoscere limitazioni né etniche né di altro genere. Le motivazioni degli ultimi incidenti saranno stabilite dagli accertamenti giudiziari: non ci pronunciamo certo nel merito di quanto è accaduto, ma rileviamo come Prato oggi sia sotto scacco, come lo è stata dopo il rogo della Teresa Mode e come, cronicamente, è da vent'anni per le imprese cinesi. Le imprese oneste di Prato, che sono la stragrande maggioranza, non si meritano tutto questo. Come Confindustria Toscana Nord intendiamo contrastare l'ondata di fango che si è abbattuta sulle imprese sia stigmatizzando chi quel fango, in maniera talvolta interessata, ce lo sta riversando addosso, sia valorizzando quello che invece hanno fatto e fanno le aziende perbene. Intanto nei prossimi giorni metteremo a disposizione dei soci dati precisi e documentati sullo stato della sicurezza sul lavoro a Prato: dati buoni, che confermano quanto abbiamo già detto circa la necessità di insistere sulla strada intrapresa di piena assunzione di responsabilità verso i temi della sicurezza. Una strada che ha già dato esiti positivi, che hanno bisogno solo di essere rafforzati e potenziati perché Sabri, Luana e tutte le altre vittime del lavoro non siano morti invano. Dati, quelli sulla sicurezza a Prato, che le aziende potranno porre davanti agli occhi di chi potrebbe essersi fatto un'idea sbagliata del nostro distretto. Prato ha i suoi problemi e non esistono formule magiche per risolverli. Chi pensa di ottenere risultati risolutivi lavorando solo sull'organizzazione aziendale o solo sulle aggregazioni o solo sulle competenze o solo sulla comunicazione ignora quanto sia complessa la contemporaneità. Come Confindustria Toscana Nord cerchiamo di tenere sempre presente la molteplicità dei fronti su cui bisogna agire. Oggi, senza mai dimenticare il resto, è particolarmente importante la comunicazione, per ristabilire la verità sul buon nome del nostro distretto."