CONTROLLI A CAMPIONE

Tentano di eludere il posto di blocco ma sono inseguiti e fermati. Due motociclisti positivi all'alcoltest

Per entrambi la patente è stata sospesa. Fermato anche un residente a Firenze che viaggiava su un Suv con targhe scadute

Tentano di eludere il posto di blocco ma sono inseguiti e fermati. Due motociclisti positivi all'alcoltest
Pubblicato:

Hanno cercato di eludere il posto di blocco ignorando l'alt degli agenti ma sono stati inseguiti e fermati dalla Polizia Municipale. Entrambi sono risultati positivi all'alcoltest. Questa la sorte capitata a due motociclisti, tra la trentina di fermati ai controlli effettuati a Piazzale Michelangelo a Firenze nella notte tra venerdì 22 e sabato 23 marzo 2024, finalizzati in particolare al contrasto della guida in stato di ebbrezza.

Anche un veicolo con targhe scadute

Sono stati effettuati controlli a campione su circa trenta veicoli in transito e tutti i conducenti sono stati sottoposti al pre-test per verificare l'eventuale assunzione recente di sostanze alcoliche e, in caso di positività, la prova con etilometro certificato direttamente sul posto.

Il primo dei motociclisti che ha tentato la fuga è stato raggiunto da una pattuglia che lo ha fermato e sottoposto all'alcoltest risultando positivo. Per lui è scattata la sospensione della patente da tre a sei mesi, oltre a un verbale di oltre 500 euro. Stessa sorte per il secondo a bordo di una moto storica fermato anche lui dopo un breve inseguimento. In questo caso l’etilometro ha evidenziato un valore di quasi tre volte superiore al massimo di legge. È quindi scattata la denuncia all'autorità giudiziaria e per la patente prevista la sospensione per un periodo da sei mesi a un anno.

Tra i fermati per i controlli anche un cittadino comunitario residente a Firenze. L’uomo circolava a bordo di un Suv con targhe tedesche per esportazione però scadute a gennaio. Il veicolo è stato sequestrato ai fini della confisca e l'importo della sanzione verrà determinato dalla Prefettura.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali