Arrestato a Bergamo: aveva commesso una rapina a Calenzano

Nel periodo trascorso nella provincia pratese infatti aveva vissuto di espedienti e attività illegali.

Arrestato a Bergamo: aveva commesso una rapina a Calenzano
Cronaca Piana Fiorentina, 24 Gennaio 2019 ore 09:10

Ieri mattina i militari della "Sezione Catturandi" del nucleo investigativo del reparto operativo del Comando provinciale dei carabinieri di Bergamo ha arrestato un 45enne brasiliano già noto alle forze dell'ordine della provincia di Prato per una rapina a Calenzano.

Arrestato a Bergamo: aveva commesso una rapina a Calenzano

Fairas de Sousa Marco Antonio è stato arrestato a Pedrendo (Bergamo). Su di lui pendeva un ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Prato del 12 gennaio scorso di un anno e cinque mesi per la condanna in corte d'appello di Firenze  per rapina aggravata in concorso e danneggiamento aggravato commesso a Calenzano il primo novembre del 2011. L'uomo è stato condotto in carcere a Bergamo.

Farias a Pedrendo aveva iniziato una relazione sentimentale con un operaio metalmeccanico di Bergamo, lasciandosi alle spalle il passato burrascoso vissuto a Prato.

I suoi trascorsi a Prato

Nel periodo trascorso nella provincia pratese infatti aveva vissuto di espedienti e attività illegali e più volte per lui si erano aperte le porte del carcere. La sua occupazione principale era la prostituzione, ma non disdegnava altri tipi di espedienti illegali quali spaccio o altro.

Nell'episodio che ha determinato la condanna e che ieri lo ha portato in carcere, aveva sfruttato l'approccio tentato da un cliente che aveva appena terminato il proprio turno di lavoro, per salire sul veicolo di questi e sfilare le chiavi d'accensione del veicolo, al fine di convincere il malcapitato a prelevare dei soldi da bancomat. Con l'aiuto di un complice nel frattempo riuscì anche a rubare un computer che si trovava all'interno dell'auto e fu ritrovata poi in casa del rapinatore in seguito a una perquisizione.

LEGGI ANCHE: REATI, SCOPRI I PIU' FREQUENTI COMUNE PER COMUNE.