I SINDACATI

“Allarmante susseguirsi di illegalità”: Cgil Firenze e Fillea Toscana invitano alla “vigilanza partecipata” anti-infiltrazioni

"Più volte abbiamo denunciato come la Toscana non è immune dalla presenza di fenomeni criminali e malavitosi".

“Allarmante susseguirsi di illegalità”: Cgil Firenze e Fillea Toscana invitano alla “vigilanza partecipata” anti-infiltrazioni
Firenze, 12 Giugno 2020 ore 14:26

La Cgil Firenze lancia l’allarme illegalità e chiede una “vigilanza partecipata” del territorio dopo notizie di cronaca.

“Allarmante susseguirsi di illegalità

La Cgil Firenze lancia l’allarme illegalità e chiede una “vigilanza partecipata” del territorio:

“Le indagini della procura di Prato che hanno portato la scorsa settimana ad arresti e perquisizioni in due aziende edili del nostro territorio, e le indagini della procura di Reggio Calabria che hanno portato al sequestro per mafia e all’amministrazione giudiziaria per l’Avr, suonano come un drammatico grido di allarme. Come denunciamo da tempo, il nostro territorio e la nostra economia non sono immuni alle infiltrazioni mafiose e a questo processo va posto un argine immediato. Quando parliamo di appalti, la priorità deve essere la garanzia della legalità. Se velocizzare le procedure per gli appalti è certamente un obiettivo, questo non può autorizzare nessuno ad invocare una deregolamentazione che faciliti l’ingresso di sistemi economici opachi. Vanno anzi rafforzati e messi in essere tutti quegli strumenti che garantiscano la regolarità delle aziende e del lavoro che svolgono. La priorità, proprio nel momento più acuto della crisi, è che l’economia buona non sia scacciata dall’economia cattiva. Che il lavoro buono non sia soppiantato dal lavoro irregolare, sfruttato, in precarie condizioni di sicurezza. Lanciamo un appello a tutte le istituzioni, alle associazioni, ai cittadini perché la cultura della legalità sia la prima preoccupazione quando parliamo di appalti e delle condizioni di lavoro in essi applicate. Un appello alla vigilanza partecipata nel nostro territorio come miglior antidoto alla subdola malattia dell’infiltrazione mafiosa. Una malattia mortale per l’economia sana e per l’intero tessuto civile delle nostre comunità. L’altro messaggio, però, che vogliamo lanciare è che bisogna tutelare i lavoratori che rischiano di pagare il conto di queste incresciose situazioni. Questa riscossa di legalità deve portare a esaltare il valore sociale della legalità. Deve sostenere il lavoro, non farlo perdere. Deve qualificarlo attraverso l’applicazione corretta delle regole senza lasciarlo alla logica sciacalla del massimo ribasso che caratterizza chi delle regole e della legalità se ne infischia. Legalità come presupposto dello sviluppo della sua qualità”.

 

Aggiunge, sulla questione del settore edile, Giulia Bartoli (segretaria generale Fillea Cgil Toscana):

“E’ decisamente allarmante il susseguirsi di notizie di episodi di illegalità, di possibili infiltrazioni criminali e mafiose in imprese, nel settore dell’edilizia, e non solo, nella nostra Regione. Prima gli arresti per caporalato nei cantieri edili che hanno coinvolto le provincie di Prato, Pistoia e Firenze, ora l’amministrazione giudiziaria e le indagini della Dda di Reggio Calabria su un’azienda, l’Avr, che opera a lavora in Toscana da anni negli appalti pubblici nelle manutenzioni stradali. Più volte abbiamo denunciato come la Toscana non è immune dalla presenza di fenomeni criminali e malavitosi che inquinano l’economia legale a scapito delle imprese oneste e dei diritti dei lavoratori. Per questo riteniamo indispensabile, oltre al necessario lavoro della magistratura e dei tribunali, irrobustire gli anticorpi necessari nella società, nelle istituzioni e nel mondo del lavoro per prevenire e contrastare ogni forma di illegalità e sfruttamento illecito del lavoro. Sosteniamo e ribadiamo che non possiamo sventolare la bandierina delle semplificazioni negli appalti senza sapere che il rischio è quello di aprire ulteriormente le maglie e favorire così corruzione e illegalità aumentando la concorrenza sleale a scapito di imprese oneste e regolari. Le istituzioni e le parti sociali si devono far carico di questa situazione e porvi un argine, avviamo i tavoli di legalità in ogni Prefettura e mettiamo in campo tutti gli strumenti necessari che non devono essere considerati un aggravio burocratico semmai una tutela per il lavoro buono, la buona impresa, a partire dal Durc per Congruità, la verifica delle presenza in cantiere e delle ore effettivamente lavorate e dall’Applicazione del Codice Appalti rifiutando modelli non replicabili come l’utilizzo dei Commissari (modello ponte Morandi), la necessaria qualificazione e semplificazione delle stazioni appaltanti. Noi saremo al fianco dei lavoratori che sono coloro che rischiano di più, faremo come sempre la nostra parte ma ognuno è chiamato a dare il proprio contributo e noi siamo a disposizione auspicando un confronto con le istituzioni e le rappresentanze del Governo sul territorio”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità