Attualità
Tanta la soddisfazione

“Ciliegia di Lari”, ok dell’Unione europea al marchio IGP

Nell’iter per ottenere la certificazione dell'Indicazione Geografica Protetta, garantendo origine e qualità, i coltivatori della Toscana hanno fatto la differenza

“Ciliegia di Lari”, ok dell’Unione europea al marchio IGP
Firenze Pubblicazione:

E’ ufficiale, la ciliegia di Lari è “Ciliegia di Lari IGP” ed è la IGP numero 16 della Toscana, 32esima DOP e IGP. L’iscrizione nel registro Comunitario è certificata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea di oggi. La Toscana si conferma la prima regione per numero di DOP e IGP per vino e cibo.

Tanta la soddisfazione

Si tratta di un risultato atteso da tempo e che riempie di soddisfazione il presidente Eugenio Giani:

“E’ un successo per le produzioni agroalimentari della Toscana e un riconoscimento meritatissimo per questa speciale qualità di frutto, il più atteso della primavera tra le nostre coltivazioni toscane e abbastanza precoce nel panorama nazionale. Questo riconoscimento si deve all’impegno dell’Associazione dei produttori della ciliegia di Lari, che tra gli associati ha molte aziende guidate da giovani, e che è stato supportato dalla Regione negli anni. Si apre un futuro di qualità e di nuove prospettive occupazionali, grazie a una produzione che storicamente era concentrata nelle colline tra Lari e Casciana Terme, oggi unite in un solo Comune”.

Nell’iter per ottenere la certificazione dell'Indicazione Geografica Protetta, garantendo origine e qualità, i coltivatori della Toscana hanno fatto la differenza.

“Il disciplinare di produzione prevede un’ampia varietà di ciliegie con una grande attenzione alla biodiversità – afferma la vicepresidente Stefania Saccardi, assessora all’agricoltura; i produttori hanno inserito, accanto a varietà di ciliegie di tipologia più commerciale, produzioni più antiche, particolarmente profumate e aromatiche, seppur più delicate. Con questo riconoscimento si dà atto all’impegno dei nostri territori per una coltivazione che altrove è residuale e che un tempo era ancor più estesa della zona di Lari e Casciana Terme”.

Con questo riconoscimento la “Ciliegia di Lari IGP” è la numero 146 delle IGP italiane nel comparto Cibo e la numero 324 nel totale delle Indicazioni Geografiche agroalimentari dell’Italia.

Seguici sui nostri canali