Menu
Cerca
CRONACA

Anpi di Prato: “Per il secondo anno niente corteo della Liberazione il 25 aprile”

ANPI aderisce inoltre alla iniziativa nazionale “STRADE DELLA LIBERAZIONE “, invitando le cittadine e i cittadini a deporre un fiore, alle ore 16 del 25 aprile, sotto le targhe delle vie e delle piazze dedicate ad antifasciste/i e partigiane/i.

Anpi di Prato: “Per il secondo anno niente corteo della Liberazione il 25 aprile”
Attualità Prato, 23 Aprile 2021 ore 09:47

Per il secondo anno consecutivo, non ci sarà, a Prato, il Corteo della Liberazione, la festa popolare e concreta del 25 Aprile, l’incontro delle mille anime che ancora oggi, a 76 anni di distanza, si riconoscono nei valori irrinunciabili della Resistenza.
Ma il 25 Aprile “può e deve costituire ancora uno stimolo alla speranza, alla vitalità delle idee, alla partecipazione, un battito
generalizzato, insomma, del cuore della memoria, foriera di buona aria di liberazione.”

Il commento

“Con le Associazioni, i Sindacati, i gruppi presenti nella nostra realtà locale abbiamo voluto costruire collettivamente una
grande mobilitazione della creatività, per ritrovarci comunque insieme e tracciare l’ideale percorso di celebrazione di una
Festa della Liberazione degna di questo nome e del suo straordinario significato.
Marcando il territorio con segni simboli e suoni, nel rispetto delle norme, invitiamo la cittadinanza pratese tutta a percorrere
le strade e le piazze che, insieme, avremmo attraversato con bandiere, parole, note e striscioni.

Mille Papaveri Rossi… non per ricordare ma per riaffermare la vitalità e la contemporaneità dei Valori della Resistenza, oggi attuale più che mai. La Resistenza è uno stato permanente del nostro cuore e della nostra mente, l’occasione di ripercorrere gli
avvenimenti per farne uno strumento del presente.

Dunque, un corteo immaginato per costruire una grammatica del cambiamento: un percorso che consenta, a Tutte e a
Tutti, una partecipazione quanto più ampia possibile, attrattiva, intelligente e capace di sollecitare memoria e riflessione. il percorso sarà animato con letture tratte da “NOI ragazzi della Libertà” di Gad Lerner e Laura Gnocchi.

La Provincia di Prato si è fatta portavoce dell’iniziativa, ed ha invitato a vestire a festa i propri luoghi della memoria, utilizzando in tutti Comuni lo stesso pendoncino.
ANPI aderisce inoltre alla iniziativa nazionale “STRADE DELLA LIBERAZIONE “, invitando le cittadine e i cittadini a deporre un fiore, alle ore 16 del 25 aprile, sotto le targhe delle vie e delle piazze dedicate ad antifasciste/i e partigiane/i.

Si coglie l’occasione per ricordare che Anpi Prato sta costruendo una BANCA DATI con i nomi di partigiani e patrioti della
provincia pratese. Non solo quelli che hanno combattuto a livello locale, ma anche nel resto della Toscana, in altre regioni
d’Italia e all’estero. Una ricerca aperta a tutti. Si invita chiunque voglia contribuire ad arricchire la storia del movimento partigiano, a fornire documenti, foto o altro materiale utile alla realizzazione di questo importante progetto”, ha concluso Angela Riviello, presidente provinciale ANPI Prato.