Teddybeartoss a Campi Bisenzio grazie alla Santo Stefano

Tutti a lanciare orsacchiotti e peluche in campo al primo canestro per poi donarli ai bambini ricoverati al Meyer.

Teddybeartoss a Campi Bisenzio grazie alla Santo Stefano
Piana Fiorentina, 14 Dicembre 2018 ore 15:08

Il “Teddybeartoss” arriva anche a Campi Bisenzio grazie alla Santo Stefano Basket di San Donnino. Tutti a lanciare orsacchiotti e peluche in campo al primo canestro per poi donarli ai bambini ricoverati al Meyer.

Teddybeartoss a Campi Bisenzio grazie alla Santo Stefano

L’appuntamento è per il 23 dicembre quando alle 18,15 a Spazio Reale inizierà la partita della Santo Stefano Basket contro Poggibonsi. Al primo canestro della squadra di casa tutti potranno lanciare orsacchiotti e altri peluche in campo.

L’idea è venuta a Dario Masi, capitano della Santo Stefano Basket che nei giorni scorsi ha letto dell’iniziativa su Instagram.

“Ho letto di questa iniziativa sulla pagina Giornata Tipo. Teddybeartoss in pratica è un modo per portare dei peluche ai bambini ricoverati al Meyer e che dovranno rimanere lì per le feste”.

In pratica ogni squadra che aderisce fa portare a tutti i tifosi e non che però vorranno aderire all’iniziativa, orsacchiotti e altri peluche, nuovi o meno nuovi che siano, a una partita in casa. Al momento del primo canestro della squadra di casa tutti dovranno lanciare i loro peluche in campo.

“L’idea è di riempire il parquet di peluche” spiega Dario Masi.

Poi questi peluche verranno lavati e sterilizzati e nei giorni dopo portati insieme alle associazioni Pubblica assistenza, Misricordia, Avis e Frates che collaborano all’iniziativa, all’ospedale Meyer e regalati ai bambini ricoverati per donare loro un sorriso e un po’ di calore per queste feste che non potranno passare a casa.

L’appuntamento

Quindi tutti a Spazio Reale dalle 18 domenica 23 dicembre con un peluche da lanciare in campo al primo canestro della Santo Stefano.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità