Sanità
La scoperta

Arriva da Israele il cerotto che allunga l'eiaculazione, lo studio del professor Mondaini

Il noto urologo e andrologo fiorentino a capo del team di medici italiani

Arriva da Israele il cerotto che allunga l'eiaculazione, lo studio del professor Mondaini
Sanità Firenze, 05 Novembre 2022 ore 11:13

La performance sessuale non sarà più motivo di imbarazzo per chi soffre di eiaculazione precoce. La soluzione a uno dei “mali” più temuti dall’uomo, arriva da Israele: un cerotto applicato in zona perianale (precisamente tra lo scroto e l’ano) che  appunto allunga l’eiaculazione. 

La notizia ci giunge da un grande professionista del settore, il professor Nicola Mondaini, urologo e andrologo fiorentino di fama internazionale e docente associato dell’università di Catanzaro. 

“Il device si schiaccia e rilascia un impulso elettrico che migliora il meccanismo dell’eiaculazione - afferma -. È stato sviluppato a Israele e successivamente studiato da un team di ricercatori israeliani, italiani e turchi che ho coordinato come principal investigator del nostro gruppo. Ci lavoriamo da almeno 4-5 anni”.

Nicola Mondaini con tutta la sua squadra, proprio in questi giorni hanno partecipato al congresso mondiale di andrologia a Miami, invitati alla presentazione di questo cerotto “miracoloso” che sarà in commercio in alcuni stati dal 2023 con il nome “in due”, o “in two” nella distribuzione americana, e successivamente in tutto il mondo. 

In due ormai è pronto e testato - prosegue il professore - è un cerotto monouso che costerà intorno a dieci euro. L’ho provato su me stesso e funziona. Con una piccola scarica elettrica triplica i tempi dell’eiaculazione. Abbiamo anche già verificato che questo device comporta fastidi minimi, quasi nulli, comunque a breve partirà un ulteriore studio di tollerabilità, coordinato da me, che si svolgerà all’università Magna Graecia di Catanzaro dove sono professore associato”. 

“La problematica dell’eiaculazione precoce - conclude Mondaini - è molto diffusa in Italia. Si calcola che ne soffrano circa un milione di uomini. Si considera eiaculazione precoce quando il tempo è minore al minuto, ma ci sono persone che non arrivano a dieci secondi o addirittura non riescono nemmeno a penetrare. In quel caso si chiama eiaculazione ante portam. Fondamentale è il controllo, perché la caratteristica principale di chi soffre questo problema è non riuscire a controllarsi ed è in qui che si inserisce il beneficio del cerotto. Davvero una novità che può portare alla soluzione di un serio problema per molte persone”.

Andrea Spadoni

Seguici sui nostri canali