La sorpresa

Una numerosa famiglia di cinghiali è diventata l’attrazione dell’estate

Stamani il cancello è stato oscurato con un pannello

Una numerosa famiglia di cinghiali è diventata l’attrazione dell’estate
Firenze, 10 Luglio 2020 ore 17:32

Una numerosa famiglia di cinghiali è diventata una vera e propria attrazione con decine di persone (e di bambini) che ogni sera vanno a trovarli.

Sta accadendo in questi giorni in piazza Meyer a Firenze, nei pressi dell’ospedale di Careggi  e dell’ospedale pediatrico Meyer. Una piccola area verde boschiva abbandonata da tempo è diventata luogo di rifugio per una famiglia di cinghiali e i loro piccoli cuccioli. Così ogni giorno decine di persone si fermano ad ammirarli e a portare pane e altri alimenti. Come se fossero degli animali di compagnia i piccoli cinghiali si intrattengono con i bambini, si fanno accarezzare e mangiano, contenti, il cibo che viene portato. La notizia della loro presenza è diventata di dominio pubblico, tanto che proprio stamani alcuni operai hanno provveduto ad installare dei pannelli per oscurare il grande cancello dell’area verde e di fatto impedire di dare da mangiare ai cuccioli.

Tanti precedenti nell’area di Careggi

Aldilà della bellezza e della curiosità di intrattenersi con i piccoli cinghiali (i loro genitori sono molto più schivi e non interessati a farsi accarezzare), il problema della presenza dei cinghiali nella zona di Careggi è annoso. Già l’anno scorso intere famiglie di cinghiali si erano avventurati fin dentro l’area ospedaliera.  Sempre più spesso infatti gruppi di ungulati scendono dalle colline circostanti e arrivano in città. Al riguardo la città metropolitana e la polizia municipale monitorano costantemente la situazione e tra le 18 catture degli ultimi tempi, ben 11 erano avvenute all’interno dell’area dell’ospedale di Careggi. Le catture sono effettuate nell’ambito dell’azione di prevenzione dei danni da parte di ungulati.

3 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità