Rsa Cicignano, il sindaco vuole incontrare le parti

Il sindaco Simone Calamai segue con costante attenzione la vicenda dei lavoratori della struttura di Cicignano che da mesi non riscuotono gli stipendi. Negli ultimi giorni alcuni operatori si sono dimessi. Per il sindaco Calamai:« Fondamentale tutelare i lavoratori per garantire la qualità del servizio a persone particolarmente fragili».

Rsa Cicignano, il sindaco vuole incontrare le parti
Prato, 05 Luglio 2019 ore 17:09

Rsa Cicignano, il sindaco Calamai incontrerà i rappresentanti della cooperativa e del Consorzio che hanno in gestione la struttura.

Rsa Cicignano

a notizia delle dimissioni di alcune operatrici socio-sanitarie dell’ Rsa di Cicignano preoccupa molto il sindaco del Comune di Montemurlo, Simone Calamai, da sempre schierato a fianco dei legittimi diritti dei lavoratori della struttura.

Le difficoltà

Purtroppo nell’ultimo periodo i dipendenti hanno dovuto affrontare molte difficoltà a causa di ritardi nel pagamento degli stipendi:

«È fondamentale tutelare i lavoratori per garantire al tempo stesso la qualità del servizio di assistenza a persone particolarmente fragili come quelle che si trovano nell’ Rsa di Cicignano. Non è la prima volta che il Comune alza la voce a difesa di un diritto basilare dei lavoratori: essere pagati per il servizio svolto. – spiega il sindaco Calamai – In questo senso mi sono già mosso e in settimana incontrerò i rappresentanti della cooperativa e del Consorzio che hanno in gestione l’Rsa di Cicignano per sollecitare una soluzione che possa tutelare i lavoratori e gli ospiti della struttura».

Incontro con le parti

Il sindaco Calamai, insieme all’assessore alle politiche sociali, Alberto Fanti, sono particolarmente preoccupati delle conseguenze a cui potrebbe portare l’emorragia di “dimissioni volontarie” degli operatori socio-sanitari:

«L’rsa di Cicignano è una struttura per anziani auto sufficienti e non auto sufficienti, che ospita 40 persone in residenza e 10 al centro diurno, mentre sono 38 gli operatori socio sanitari, tra medici, infermieri, os e personale di servizio. Se inizia a saltare una parte consistente dell’organico è a rischio l’assistenza degli ospiti della struttura, eventualità che vogliamo scongiurare. Cicignano si è sempre distinta per la qualità del servizio, portato avanti da persone competenti e appassionate. Abbiamo il dovere di tutelare questo patrimonio che è una risorsa per tutta la comunità», concludono il sindaco e Fanti.

LA NOTIZIA PIU’ LETTA DI OGGI: INCIDENTE SULLA SR 325

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei