Sesto Fiorentino

Parco dell’Oliveta: nuova mozione dell’opposizione

Ancora polemiche in città: ecco cosa è successo

Parco dell’Oliveta: nuova mozione dell’opposizione
Piana Fiorentina, 03 Ottobre 2020 ore 13:04

In consiglio comunale continua a tenere banco la problematica segnalata nei mesi scorsi sulla colonne del nostro giornale dai residenti del parco dell’Oliveta con i continui e ripetuti disturbi alla quiete pubblica. Dopo la mozione presentata dalla capogruppo di Forza Italia Maria Tauriello, non accolta dalla maggioranza, che chiedeva di recintare tutta l’area verde per evitare l’ingresso, nelle ore serali, di gruppi di ragazzi che oltre a disturbare danneggiano le attrezzature pubbliche disseminando rifiuti di vario genere, il partito democratico, Sesto Bene Comune e il Movimento cinque Stelle hanno presentato una nuova mozione congiunta. In questo caso, con l’intento di accogliere le ripetute richieste da parte dei residenti per arrivare ad una soluzione che possa alleviare il continuo disturbo della quiete pubblica, i consiglieri di opposizione hanno chiesto al sindaco ed alla giunta di dislocare in altre aree del parco, a congrua distanza dalle abitazioni, le panchine in legno, il tavolo da pic-nic e l’area giochi installata due anni fa, in moda da ridurre l’aggregazione notturna vicino alle abitazioni nonché  prevedere una costante e continuativa attività di vigilanza notturna. L’atto, già iscritto all’ordine del giorno del consiglio comunale di mercoledì scorso, non è stato al momento ancora discusso dall’assemblea per mancanza di tempo.

Proprio per evitare assembramenti di giovani e giovanissimi, nelle scorse settimane è stata invece apposta la grande cancellata presso l’area giochi di via Cavallotti così come era stata annunciata. Sempre nei giorni scorsi, infine, il sindaco ha adottato una nuova ordinanza vietando la vendita per asporto di qualsiasi bevanda alcolica e non, contenuta in recipienti di vetro e lattine, nel periodo dal 26 settembre al 31 dicembre dalle 21 alle 6 di mattina, in gran parte del centro storico. Il nuovo provvedimento  è stato reso necessario per evitare situazioni di assembramento non conformi alle norme vigenti sul distanziamento sociale in relazione all’attuale emergenza epidemiologica, nonché amplificare le difficoltà operative connesse alle esigenze di gestione dell’ordine pubblico e della pubblica incolumità legate all’assunzione di alcolici quale forma deterrente, precauzionale e preventiva.  Un freno importante a quella malamovida che tanti residenti del centro hanno spesso segnalato anche sulle pagine di BisenzioSette.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità