Ladri in rosticceria, ma le proprietarie con una “Pizzata” lanciano un messaggio: “Non ci arrendiamo”

«E la risposta dei nostri clienti è stata davvero ottima. Anzi ci teniamo a ringraziare tutti per l’appoggio e il sostegno».

Ladri in rosticceria, ma le proprietarie con una “Pizzata” lanciano un messaggio: “Non ci arrendiamo”
Prato, 10 Gennaio 2020 ore 16:40

Lanciano un messaggio preciso: nonostante i furti e gli atti vandalici, non ci arrendiamo. E lo fanno con una “pizzata” nella loro rosticceria.

Ladri in rosticceria ma le proprietarie non si arrendono

Sono Giusy e Martina e nei loro sguardi si legge la forza e la determinazione di chi crede in quello che fa e non si vuole arrendere a dei semplici malviventi.
Le due, una campigiana e l’altra di Faenza, hanno ripreso la rosticceria San Martino (a Prato) lo scorso aprile. Una rosticceria storica, aperta da circa 47 anni. Un vero e proprio punto di riferimento per la zona di Coiano che le due ragazze hanno rilevato dai vecchi proprietari e in questi mesi l’hanno mandata avanti con la stessa passione e l’impegno con cui ha aperto quasi cinquanta anni fa.
Poi però sabato notte, il 23 novembre 2019, qualcosa ha fatto tremare i polsi.
Dei ladri sono entrati in rosticceria, probabilmente non dalla porta principale che dà sulla via ed è chiusa con un bandone, ma dalla porta posteriore. Hanno scassinato l’apertura e una volta dentro hanno fatta man bassa di tutto ciò che c’era.

Il racconto

«Sabato sera – hanno raccontato – siamo andate via verso le nove, come sempre. Abbiamo chiuso cassa pulito tutto, siamo andate via chiudendo normalmente. Poi domenica mattina intorno alle sette eravamo di nuovo qui. La domenica apriamo circa due ore prima degli altri giorni perché abbiamo tanti ordini. Subito Martina si è accorta che un allarme non andava. Lì per lì però non abbiamo pensato a un furto, ma più a un guasto. Anche perché dopo pochi mesi dall’apertura sinceramente a questo non ci pensiamo nemmeno. Appena entrate vediamo che la cassa era aperta e tutto spento. E quindi tutti i frigo erano spenti e all’interno quasi tutto era da buttare. E di domenica non è stata una cosa per niente simpatica».

Svuotata la cassa

Hanno portato via il fondo cassa, sui duecento euro, e fatto questo danno enorme con gli alimenti tutti da buttare.
A quel punto Giusy e Martina hanno chiamato i carabinieri e, quando sono arrivati, fatto la regolare denuncia.
«Noi non abbiamo toccato nulla, anche perché lì per lì ci è presa anche una bella paura. Non è per niente bello vedersi davanti una scena del genere la mattina quando si apre. I carabinieri una volta arrivati hanno visto che la porta finestra era scassinata. Abbiamo dovuto buttare via quasi tutto, anche perché non sappiamo a che ora è successo, quindi non potevamo certo rischiare. Il danno di domenica è stato grosso per noi».
Non è stato un buon risveglio per le due, che ad appena sei mesi dall’apertura della rosticceria, potevano a questo punto anche lasciarsi andare alla rabbia e decidere di chiudere tutto così.

Il messaggio alla comunità

Ma Giusy e Martina hanno voluto fare l’esatto opposto, lanciare un messaggio alla comunità della zona, alle persone che in questi mesi sono stati loro clienti assidui, a chi le ha sostenute, e, forse, ai malviventi stessi: si sono rimboccate le maniche e invece che piegarsi hanno deciso di dare il via a una nuova attività a cui pensavano da tempo: la pizza.
«Fin dall’inizio avevamo pensato di fare anche pizza da asporto. Una pizza particolare, lievitata 48 ore, quindi assolutamente digeribile. Poi tra l’apertura e i primi mesi di assestamento non ne avevamo mai avuto il tempo. Dopo questa batosta però ci siamo guardate negli occhi e abbiamo detto: è il momento».
E così sabato 30 novembre è stata la prima serata inaugurale per la pizza alla rosticceria San Martino.
«E la risposta dei nostri clienti è stata davvero ottima. Anzi ci teniamo a ringraziare tutti per l’appoggio e il sostegno», hanno concluso Martina e Giusy.
Tra pizze da asporto e quelle realizzate direttamente per i tavoli presenti in rosticceria, un sabato sera pieno, tra risate, ottima pizza, chiacchiere e tanta allegria, la ricetta perfetta per scacciare il brutto ricordo del sabato precedente.
Quindi dal 30 novembre, ufficialmente, alla rosticceria San Martino si può trovare anche la pizza, da asporto o da assaporare direttamente ai tavoli della rosticceria, tutti i sabati.

LEGGI ANCHE: CONCORSI PUBBLICI, 11MILA POSTI A TEMPO INDETERMINATO

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità