Campi Bisenzio

Gkn, al presidio il collettivo di fabbrica rimuove le bandiere Cisl

Ecco i motivi spiegati dagli operai e dai membri del collettivo di fabbrica della Gkn.

Gkn, al presidio il collettivo di fabbrica rimuove le bandiere Cisl
Cronaca Piana Fiorentina, 07 Agosto 2021 ore 10:26

Gkn, al presidio il collettivo di fabbrica rimuove le bandiere Cisl

Rimosse tutte le bandiere Cisl dal presidio. Così hanno deciso i lavoratori e i membri del collettivo di fabbrica della Gkn.
Ecco la nota stampa diffusa:

“L' "ammainabandiera"  - spiegano dal collettivo di fabbrica - fa parte dei metodi di questo nostro presidio. La Cisl non ha per quanto ci riguarda più legittimità politica al presidio.

Da quando è iniziato questa nostra vicenda, qua sono passati in tanti a manifestare solidarietà e a ritagliarsi fette di visibilità. Lo hanno fatto a dispetto di tutte le proprie posizioni precedenti. Ci siamo detti che l'incoerenza non era nostra. Noi non abbiamo mutato di un millimetro il nostro cammino. E chiunque mette la faccia qua, come la mette, la perde anche rapidamente. Questo oggi vale per la Cisl, domani potenzialmente per chiunque altro.

EasyGroup è la ditta a cui Gkn aveva dato in appalto logistica e pulizie. Lavoratori della logistica e pulizie appartengono a due contrati diversi e hanno ammortizzatori diversi. In questo momento l'accesso all'ammortizzatore per i carrellisti, significa praticamente il licenziamento per quelli delle pulizie. Un meccanismo allucinante contro cui stiamo chiedendo di intervenire, cercando di individuare un percorso comune o comunque un modo per mantenere formalmente uniti gli appalti alla nostra vertenza.

Il Ministero del Lavoro deve intervenire o sarà responsabile di questo meccanismo allucinante.

Giovedì invece la Cisl ha mandato un comunicato ai carrellisti della EasyGroup. Primo grave problema di metodo. Noi non accettiamo più organizzazioni che parlano di noi e per noi attraverso comunicati, stampa o social. O sei dentro la lotta o sei fuori. Se sei dentro, le tue tesi le argomenti qua. Non altrove.

Ma ancora più grave è il problema di merito. La Cisl sgancia e divide i carrellisti dai colleghi delle pulizie e lo rivendica anche. Li sgancia anche da questa nostra vertenza.

Nel comunicato la Cisl si duole che per "alcune sigle sindacali" sia "più importante l'aspetto politico cioè tenere unita la vertenza". Tenere unita la vertenza non è una linea di "alcune sigle sindacali" ma dell'assemblea dei lavoratori. E il giochino della competizione tra sigle per le tessere tra di noi non esiste. Per altro, se si parla di tesserati, il fatto di avere una manciata di tesserati in Gkn non ha impedito alla Cisl di venire a riempire i cancelli della Gkn delle proprie bandiere.

Nello stesso comunicato la Cisl praticamente afferma che il tavolo aperto con il Mise non servirà a nulla. Questo però non le ha mai impedito di essere presente in forza al tavolo, parlando "di noi e per noi" come tante altre sigle che qua rappresentano poco o nulla.
La legge e l'accordistica glielo permettono.

Noi invece non permettiamo di rivendicare agibilità o visibilità di una lotta di cui magari non si condivide nulla e che si prova ad affossare appena possibile.

Le bandiere non sono state maltrattate. Sono qua che vi aspettano. Venitele a prendere e a riappenderle. Facile con i comunicati.”