Controllato casolare in disuso: abitato da due extracomunitari

Sanzionati i proprietari dello stabile dove sono stati trovati i due extracomunitari.

Controllato casolare in disuso: abitato da due extracomunitari
Prato, 27 Novembre 2018 ore 17:05

Controllato casolare in disuso ubicato in via Sott’Ombrone di Poggio a Caiano: abitato da due extracomunitari.

Controllato casolare in disuso: abitato da due extracomunitari

Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Poggio a Caiano, collaborati dall’unità cinofila antidroga del Centro Carabinieri di Firenze e dal personale della locale Polizia Municipale, nell’ambito di un predisposto servizio coordinato di controllo del territorio finalizzato, procedevano al controllo di un edificio in stato di abbandono ubicato in via Sott’Ombrone di Poggio a Caiano. All’interno venivano rintracciate due extracomunitari uno dei quali senza permesso di soggiorno. Gli stessi dono stati deferiti alla locale Procura della Repubblica per invasione di edificio. La polizia Municipale di Poggio a Caiano ha elevato sanzioni amministrative nei confronti dei proprietari dello stabile, con riserva di porre in sequestro l’intera area al termine delle verifiche tecniche.

Il cittadino marocchino privo del permesso di soggiorno è stato accompagnato presso il Centro di Permanenza e Ripatrio di Torino per la successiva espulsione dal territorio nazionale. Trattasi di soggetto già arrestato dalla Stazione di Poggio a Caiano in data 20.04.2018, unitamente ad altri due connazionali, per avere detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, scarcerato con gli altri due soggetti per mancata convalida da parte del Giudice. Alla decisione del Giudice la Procura della Repubblica di Prato aveva presentato ricorso, che in data 28.10.2018 è stato accolto dalla Corte di Cassazione, con sentenza che ha annullato senza rinvio l’ordinanza impugnata essendo l’arresto degli imputati legittimamente eseguito.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità