Menu
Cerca
il dibattito

Soldi del Recovery Fund per lo stadio “Franchi” di Firenze, la soddisfazione dell’Ordine degli Ingegneri

Espressione di convincimento e soddisfazione da parte dell'Ordine degli Ingegneri di Firenze alla notizia della destinazione di soldi del Recovery Fund per lo stadio "Artemio Franchi" di Firenze.

Soldi del Recovery Fund per lo stadio “Franchi” di Firenze, la soddisfazione dell’Ordine degli Ingegneri
Attualità Firenze, 26 Aprile 2021 ore 16:44

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dell’Ordine degli Ingegneri di Firenze in merito alla destinazione dei fondi del Recovery Fund allo stadio “Franchi”.

Recovery Fund, soldi per lo stadio “Franchi” di Firenze: il parere dell’ordine degli ingegneri

“Esprimiamo soddisfazione per la scelta di destinare parte dei fondi del Recovery Fund allo stadio Artemio Franchi di Firenze. Un’opera di valore storico e artistico, che necessita di una ristrutturazione importante per continuare ad ospitare eventi sportivi e culturali di rilievo, mantenendo al tempo stesso intatte le sue caratteristiche architettoniche originarie”.

Così Giancarlo Fianchisti presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze.

“Leggiamo di una pubblicazione in poche settimane del bando per il concorso di progettazione ed è un’altra notizia positiva che dimostra concretezza e fa ben auspicare sulle prossime tempistiche. Sarà un intervento importante non solo per ridare prestigio al lavoro di Pierluigi Nervi, ma anche per riqualificare il quartiere di Campo di Marte. Crediamo che possa essere solo il primo passo di un più ampio piano di interventi che coinvolga nei prossimi anni anche le infrastrutture e gli edifici circostanti”.

“Un plauso a chi ha creduto e avuto il coraggio di portare la questione dello stadio Franchi fino ai tavoli del Ministero. Con questa decisione – aggiunge Fianchisti – si chiude probabilmente una discussione che si protrae ormai da anni e si apre una fase di rinnovamento che siamo certi potrà essere positiva per la cittadinanza, lo sport e l’economia locale”.