PROVINCIA DI PRATO

Proseguono a passo serrato i lavori di riqualificazione di via Carmignanese

Proseguono a passo serrato i lavori di riqualificazione di via Carmignanese
Attualità Prato, 20 Aprile 2021 ore 15:42

Proseguono a passo serrato i lavori di riqualificazione di via Carmignanese grazie al progetto finanziato dalla Provincia di Prato per un totale di più di un milione di euro.

Proseguono i lavori di riqualificazione di via Carmignanese

Il cantiere mobile, partito dalla rotonda di via Aldo Moro, ha consentito di svolgere i lavori dall’inizio della strada fino all’incrocio con via dell’Erta e gli interventi conclusi in queste settimane comprendono la realizzazione di nuovi marciapiedi e la conclusione di tutti i lavori sotto il campo stradale, come fognature e scarichi per le acqua bianche. Adesso restano da realizzare tre muri di sostegno lungo la strada, dopodiché l’ultimo step di questo primo lotto dei lavori sarà costituito dalla completa riasfaltatura del tratto, dall’installazione della nuova illuminazione, della segnaletica verticale e orizzontale e dei due attraversamenti pedonali rialzati che renderanno la strada più sicura ed accessibile per i pedoni.

Il presidente della provincia Francesco Puggelli sul cantiere con i tecnici

“Mi sono recato sul cantiere con i tecnici non solo per verificare lo stato di avanzamento dei lavori, ma anche per fare delle verifiche in merito ad alcune segnalazioni ricevute da parte dei cittadini – dichiara il presidente della Provincia e sindaco di Poggio a Caiano Francesco Puggelli che, nella mattinata di martedì 20 aprile ha fatto un sopralluogo sul cantiere –. La riqualificazione di via Carmignanese è un lavoro importante non solo sotto il profilo degli investimenti in campo, ma anche per il tempo che i lavori richiedono. Serve un anno da cronoprogramma, ma abbiamo fiducia di riuscire a chiudere il cantiere anche prima. Pertanto - conclude Puggelli - chiedo ai poggesi un piccolo sforzo di pazienza al fine di veder finalmente completato un lavoro richiesto da anni dai residenti della zona e non solo”.