l'uscita

«Tutti me miran»: hit che sa di Prato

Accanto a Cristiano Malgioglio il cantante pratese Evry nel featuring che rivisita un brano di Gloria Trevi

«Tutti me miran»: hit che sa di Prato
Tempo libero Prato, 10 Luglio 2021 ore 09:30

Si intitola «Tutti me miran» il nuovo singolo di Cristiano Malgioglio, uscito in radio e su tutte le piattaforme da una settimana. Ma la cosa interessante è che ancora una volta il cantante e cantautore catanese ha deciso di farsi affiancare da un artista pratese: Evry.
Enrico Matheis, in arte Evry, aveva già collaborato con Malgioglio per la canzone «Notte perfetta», uscita lo scorso anno e che ha visto il featuring tra il celebre nome della musica italiana e il gruppo The J.E.K., del quale faceva parte anche Evry. Ma adesso il ventottenne pratese ha deciso di proseguire la propria carriera da solista.
«È come se fossimo rimasti in contatto continuamente – ha spiegato il cantante pratese – anche se, in realtà, in questo anno un po’ particolare non ci siamo sentiti troppo. Anzi, ci siamo un po’ “divisi” dopo la bella collaborazione dello scorso anno. Poi un mese fa mi è arrivato, inaspettatamente, un messaggio da parte di Cristiano Malgioglio dove mi anticipava una telefonata che poi mi ha fatto poco dopo, come se ci fossimo sentiti il giorno prima. Ed è stato molto bello e piacevole. Mi ha spiegato il suo progetto e mi ha chiesto di prenderne parte perché ci teneva e voleva che fossi di nuovo al suo fianco perché comunque avevamo lavorato bene insieme. Non so come spiegarlo, ma posso dire che, in qualche modo, me lo aspettavo. Forse ci speravo a tal punto che pensavo si sarebbe potuta realizzare una cosa del genere».
Un nuova hit estiva che, però, non è fine a sé stessa, ma porta avanti un importante messaggio.
«Il pezzo è una rivisitazione di un brano che esiste già – ha continuato Evry – ed è di Gloria Trevi, una cantante sudamericana molto famosa che quando pubblicò questo brano ebbe un enorme successo con un numero incredibile di visualizzazioni, soprattutto connesse alla tematica della canzone. Si tratta, infatti, di un brano molto sentito perché in difesa dei diritti LGBTQ+. È a tutti gli effetti un inno alla non discriminazione attraverso la storia di questo lui che si veste da donna e decide, dopo alcune controversie in casa, dove non viene accettato, di uscire allo scoperto e mostrarsi al mondo per quella che è veramente. Malgioglio, dal canto suo, ha voluto riprendere questo aspetto e lo ha fatto in maniera eccentrica, come il suo personaggio, riprendendo anche delle scene da Pedro Almodovar. E questo lo ha portato a ricevere i complimenti anche dal regista Ferzan Ozpetek. Penso che comunque un personaggio come quello di Cristiano Malgioglio, anche solo per notorietà, sia quasi “obbligato” a mandare un messaggio del genere in un periodo come questo e naturalmente a domanda ha risposto senza tirarsi indietro». Un brano registrato in due settimane e un video girato in tre, «Tutti me miran» sta già scalando le classifiche ed è pronto a conquistare l’estate 2021 e imporsi tra i nuovi tormentoni, anche grazie al testo in parte in spagnolo.
«Mi auguro che questo brano possa essere apprezzato – ha continuato Evry – sia per il messaggio che per l’energia che porta con sé. E poi per me si tratta della prima vera e grande occasione in cui esco allo scoperto come solista, quindi ci tengo particolarmente».
In attesa di vederli entrambi presentare il brano tra radio e televisione, come già è successo per lo scorso brano, Evry sta anche preparando il proprio album da solista e tra meno di un mese uscirà già una nuova canzone.
Chissà che non si possa ritrovare a Sanremo 2022…