Sport
se il buongiorno...

Fiorentina: si parte con un netto 7-0 contro il Real (Vicenza): la stagione è iniziata bene

Fiorentina: si parte con un netto 7-0 contro il Real (Vicenza): la stagione è iniziata bene
Sport Firenze, 15 Luglio 2022 ore 11:57

L'avversario non era il Real Madrid, per carità, ma solo il Real Vicenza. Se il buongiorno si vede dal mattino però la stagione della Fiorentina è partita bene. Pur con tutti i carichi di lavoro che i giocatori hanno nelle gambe a causa dei duri allenamenti sostenuti a Moena, nella prima amichevole del pre-campionato sono arrivate buone indicazioni per il tecnico Vincenzo Italiano. Al di là del 7-0 finale, buono principalmente per le statistiche, Sugli scudi il neo acquisto Jovic, già ribattezzato "Luha", con la C aspirata dai sostenitori viola presenti in ritiro. L'ex Real Madrid ha giocato nel secondo tempo mettendo subito a segno un poker di reti. Il serbo ha segnato in tutti i modi facendo sognare la gente anche se per adesso è inevitabilmente indietro dal punto di vista fisico. Negli ultimi anni ha giocato poco ma Italiano sembra l'allenatore ideale per rilanciarlo. "E' un calciatore di grandissimo livello, va riattivato perché è da un bel po' che non è coinvolto a pieno regime. Va tirato fuori il fuoco che ha dentro", le sue parole sul serbo che sembra già davanti a Cabral nel ballottaggio per essere il centravanti titolare,
Ma oltre al gol di Gonzalez (il primo in assoluto del 2022-23), il test contro i dilettanti veneti ha fornito anche altre buone indicazioni. Ikonè, ad esempio. Il francese ha fatto venire il mal di testa agli avversari con i suoi dribbling andando anche lui a segno. Bene anche Amrabat, che avrà il difficile compito di non far rimpiangere Torreria.
A proposito di mercato, con l'arrivo del terzino destro Dodò atteso a breve a Moena, la rosa è quasi al completo. Manca solo un centrocampista coi piedi buoni in grado di verticalizzare il gioco. E' un colpo che la società non vuole assolutamente sbagliare perché potrebbe consentire un ulteriore salto di qualità, mandando la Fiorentina nel lotto delle squadre che lotteranno per la Champions League. Il nome più gettonato è quello di Luis Alberto, in uscita dalla Lazio ma la trattativa è complicata. L'impressione è che il sostituto di Castrovilli (che si è unito ai compagni in ritiro ma bene che vada tornerà in campo a inizio del prossimo anno) possa arrivare solo a fine mercato. Per ora Pradè e collaboratori lavorano più che altro sulle cessioni e sulla possibilità di riuscire a trattenere Milenkovic. Il difensore ha tanti estimatori ma il dg Barone è stato chiaro: "Faremo di tutto per convincerlo ad allungare il contratto con noi". Il serbo tra l'altro sta anche aiutando Jovic nell'ambientamento che, come detto, prosegue nel migliore dei modi nonostante le difficoltà linguistiche.
Per verificare ulteriori progressi del nuovo centravanti viola ci sono altri test a Moena (triangolare con Brianza Olginatese e Sanvitese, sfide contro Trento e Triestina) e con ogni probabilità una tournèe in Austria post-ritiro. In cui la Fiorentina dovrebbe giocare contro Galatasaray ( 30 luglio), il 3 agosto contro la nazionale del Qatar e Betis Siviglia (6 agosto) anche per iniziare a sentire profumo di Europa in vista della Conference League.

di Massimiliano Mugnaini

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter