La protesta

Anche in Toscana Ncc e bus non di linea pronti allo sciopero il 28 ottobre

Il settore del trasporto noleggio con conducente e bus non di linea in crisi nera da mesi causa pandemia Covid-19: anche in Toscana le sigle si muovono, pronto uno sciopero per il prossimo 28 ottobre.

Anche in Toscana Ncc e bus non di linea pronti allo sciopero il 28 ottobre
23 Ottobre 2020 ore 17:45

Ncc e bus non di linea in stato di agitazione e pronti ad azioni anche più incisive per farsi ascoltare. “Ancora una volta il settore del trasporto pubblico non di linea è rimasto fuori da iniziative che potrebbero almeno scongiurare in parte il tracollo di circa 60mila imprese che operano in questo settore”, spiega Stefano Giusti, segretario di Azione Ncc.

Trasporti Ncc e bus non di linea pronti allo sciopero il 28 ottobre

Le associazioni che rappresentano bus, vetture e natanti con conducente hanno scritto una lettera al governo, all’Anci e alle Regioni dando 5 giorni di tempo per attivare la procedura di raffreddamento e conciliazione delle controversie. Altrimenti il 28 ottobre sarà indetta una manifestazione nazionale.

I mezzi con conducente a causa della pandemia sono fermi da 8 mesi con fatturato azzerato, ma sono rimasti esclusi da ogni provvedimento preso dal Governo. In più, la loro proposta di affiancare i mezzi di trasporto pubblico locale per aumentare le corse e alleggerire il numero dei passeggeri nelle ore di punta, garantendo distanziamento e sicurezza sanitaria, è rimasta inascoltata.

“L’aiuto che tali operatori potrebbero dare avrebbe effetti positivi. Sicuramente una maggior sicurezza nella mobilità, perché troppo spesso siamo costretti a vedere scene indecorose che mettono a repentaglio la salute dei cittadini ed in particolar modo degli studenti. Sarebbe poi un minimo cenno di ripartenza per quelle aziende che hanno decine di veicoli fermi da 8 mesi senza la possibilità di immaginare una ripartenza”, spiega Giusti.

Le misure adottate dal Governo per contrastare la pandemia sanitaria hanno prodotto la totale cancellazione delle prenotazioni delle gite scolastiche, congressi, viaggi culturali, escursioni crocieristiche, togliendo di fatto agli Ncc (che rientrano nei trasporti, ma hanno la peculiarità di dipendere dai flussi turistici) i passeggeri. Tuttavia il servizio che offrono non è mai stato bloccato, da nessun decreto, perché considerato tra quelli essenziali. Azione Ncc e le altre associazioni di categoria “più volte hanno inviato al Governo richieste di aiuti per la grave situazione creatasi, invocando provvedimenti che avrebbero potuto in qualche modo salvare imprenditori e dipendenti dal baratro. Le richieste purtroppo non hanno mai avuto un riscontro e non hanno nemmeno prodotto nessun incontro”, è scritto nella lettera inviata alle istituzioni. Ma non è stato previsto però nessun sostegno a fondo perduto, nessun bonus, solo la proroga di qualche mese dei pagamenti di leasing, tasse, mutui, contributi.

“In questo contesto l’esasperazione dovuta alla mancanza di attenzione da parte del Governo ci induce, nostro malgrado, ad invocare il diritto di manifestare affinché si possa avere la giusta attenzione per evitare default e licenziamenti di massa, ma soprattutto perché le associazioni non riescono più a gestire le iniziative di protesta di una base ormai stanca”, scrivono nella lettera inviata alle istituzioni le associazioni di categoria (Fai Tp, Anitrav, Fia Federvarie Confindustria, Ass. Uniti per l’Italia, Fincc, Ass. Ncc Italia, Anc, Emet , Llp, Federncc Roma Confcommercio, Comitato Sindacato Ncc Fiumicino, Asincc, Abt 2020 Sicilia, Anat, Tutela Ncc, Fion, Assobus, Comitato Air, Azione Ncc, Bus Condiviso, Anstra, Acncc, Abt Bus 2020, Federnoleggio/Confesercenti).

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità