POLITICA

Museo Richard Ginori, Toccafondi (IV): “Tutto fermo, tranne l’erba che cresce e l’abbandono”

“A fine dicembre 2019, in una cerimonia a Sesto Fiorentino, si celebrava l’accordo tra Regione, Comune e Mibact sul “nuovo museo della porcellana Richard Ginori”. Un’operazione da più di 6 milioni di euro. Benissimo, Sesto ha bisogno anche di turismo e di qualità. Ma la situazione reale del museo, chiuso dal 2014, è purtroppo ancora ben lontana dal vedere i primi turisti".

Museo Richard Ginori, Toccafondi (IV): “Tutto fermo, tranne l’erba che cresce e l’abbandono”
Firenze, 26 Settembre 2020 ore 11:42

“A fine dicembre 2019, in una cerimonia a Sesto Fiorentino, si celebrava l’accordo tra Regione, Comune e Mibact sul “nuovo museo della porcellana Richard Ginori”. Un’operazione da più di 6 milioni di euro. Benissimo, Sesto ha bisogno anche di turismo e di qualità. Ma la situazione reale del museo, chiuso dal 2014, è purtroppo ancora ben lontana dal vedere i primi turisti” -denuncia il deputato fiorentino di Italia Viva Gabriele Toccafondi.

La denuncia del deputato fiorentino

“Attualmente, dietro al cancello con il cartello del mibact che annuncia i lavori da terminare nel 2018, non c’è nessun operaio e nessun cantiere. L’unica cosa che va avanti è l’erba che cresce incolta e l’abbandono. E lo stesso vale per la fondazione che poi dovrà gestire il museo, anch’essa annunciata a fine 2019 ma ancora senza nomina del cda”, prosegue il deputato.

“Il governo ha fatto un grande passo e stanziato risorse, adesso occorre correre perché il patrimonio delle opere d’arte della Richard Ginori possa tornare ad essere ammirato e possa portare a Sesto quei turisti che oggi più che mai comprendiamo quanto siano importanti anche per l’economia. Per tutte queste ragioni e per avere chiarimenti sul reale stato dei lavori ho presentato un’interrogazione urgente al ministro Franceschini”, conclude Toccafondi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità