Menu
Cerca
Presa di posizione

Disagi pendolari sulla Prato-Bologna, Giannelli (FI): “Provvedimenti per un servizio accettabile”

Il responsabile trasporti e lavori pubblici di Forza Italia, Giampaolo Giannelli, pone l'accento sui disagi in essere per i pendolari della Prato-Bologna ed in Val di Bisenzio.

Disagi pendolari sulla Prato-Bologna, Giannelli (FI): “Provvedimenti per un servizio accettabile”
Politica Prato, 12 Aprile 2021 ore 17:27

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso da Forza Italia Toscana sulla situazione relativa ai disagi dei pendolari della linea ferroviaria Prato-Bologna in seguito ai lavori tutt’ora in corso.

Disagi pendolari sulla Prato-Bologna, l’affondo di Forza Italia contro Rfi

Siamo sempre stati pazienti e comprensivi. Soprattutto in considerazione del fatto che i lavori di adeguamento della linea ferroviaria Prato-Bologna sono necessari, ed era quindi normale supporre che vi sarebbero state conseguenti ripercussioni sulla vita dei pendolari. Ma la situazione, nelle ultime settimane, ha fatto registrare un tale incremento dei disservizi da rendere praticamente impossibile, in alcune fasce orarie, prendere un mezzo pubblico. Occorre quindi che vengano presi i provvedimenti adeguati a consentire alle persone che per motivi di studio e lavoro si recano tra Prato e Bologna di fruire di un servizio perlomeno accettabile.

Queste le dichiarazioni di Giampaolo Giannelli responsabile regionale dipartimento trasporti e lavori pubblici Forza Italia Toscana.

Allo stato attuale infatti – attacca Giannelli – si assiste a una riduzione delle corse a causa dei lavori in corso, ma quel che è ancora più grave è il forte decremento del numero di corse anche negli orari in cui la circolazione è permessa. In questo modo quindi RFI danneggia pesantemente i cittadini che per lavoro e studio hanno la necessità di spostarsi in treno nella tratta Prato Bologna. In generale poi i treni che sono attivi, molto, troppo spesso sono in ritardo ed addirittura non è infrequente una loro soppressione senza preavviso. Considerato poi – conclude Giannelli – che il trasporto sostitutivo su gomma è risultato assolutamente non confacente alle esigenze dei pendolari, è indispensabile un deciso cambio di rotta da parte di RFI; oltre a questo si rende indispensabile che la Regione Toscana si dia da fare maggiormente per agire a fianco dei pendolari, dando gli input necessari per garantire un servizio migliore, con report efficaci e sanzioni pesanti che devono essere poste a carico di RFI per i disservizi causati.