Amminstrazione

Bando case popolari, il Comune di Montemurlo mette a disposizione facilitatori per la compilazione delle domande

Il bando dell case popolari scade il prossimo 23 dicembre.

Bando case popolari, il Comune di Montemurlo mette a disposizione facilitatori per la compilazione delle domande
Prato, 12 Ottobre 2020 ore 14:53

Bando case popolari, il Comune di Montemurlo mette a disposizione facilitatori per la compilazione delle domande

 

Anche a Montemurlo è possibile accedere al bando provinciale per l’assegnazione delle case popolari 2020. Le domande si possono presentare in autonomia attraverso il servizio online al seguente link http://www.comune.prato.it/sanita/bandocasa/. Chi non avesse confidenza con il computer o avesse bisogno di un supporto per la compilazione della domanda, può trovare un aiuto rivolgendosi allo sportello politiche sociali del Comune di Montemurlo. Per accedere al servizio è indispensabile la prenotazione, chiamando il numero telefonico 0574 558571 esclusivamente nei giorni di lunedì dalle ore 15 alle 18 e il giovedì dalle 9 alle 13,30. In questo modo si potrà fissare un appuntamento con un facilitatore che supporterà il cittadino nella compilazione e nell’invio della domanda. « L’ultimo bando per le case popolari è stato pubblicato nel 2015 e quindi siamo consapevoli che c’è tanta attesa da parte dei cittadini. – spiega l’assessore alle politiche sociali, Alberto Fanti – Ci aspettiamo moltissime domande e quindi la prima raccomandazione, per chi ne ha la possibilità, è quella di presentare in autonomia la domanda online. Tutti coloro, invece, che per vari motivi , non riescono o non hanno la possibilità di presentare la domanda da soli – o hanno bisogno di chiarimenti – si possono rivolgere all’ufficio politiche sociali, dove troveranno supporto e assistenza. Purtroppo anche a Montemurlo l’emergenza casa è un problema molto sentito e certo l’epidemia da Coronavirus non ha migliorato la situazione».

Per poter presentare la domanda occorre essere residenti o avere il domicilio lavorativo in uno dei comuni della provincia pratese. Inoltre bisogna essere residenti in Toscana da almeno cinque anni (anche non continuativi a differenza della precedente legge).La situazione reddituale deve essere inferiore o uguale alla soglia di 16.500 euro di valore isee. Il richiedente non deve avere condanne passate in giudicato per delitti non colposi per i quali è prevista la pena detentiva non inferiore a 5 anni ovvero avvenuta esecuzione della relativa pena. Tra gli altri requisiti è necessario dimostrare l’assenza di titolarità di diritti di proprietà o usufrutto, di uso o abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare situato ad una distanza pari o inferiore a 50 Km dal comune della provincia più vicino. Il valore del patrimonio mobiliare non deve essere superiore a 25.000 euro e complessivamente di 40mila euro. Infine bisogna non avere barche a motore o vela né auto immatricolate negli ultimi 5 anni avente potenza superiore a 80 KW (110 CV).
Fabiana Masi

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità