Appuntamento

Pittura e gusto si incontrano a Poggio a Caiano con “Bollicine, frutta e arte”

Giovedì 16 luglio acquistando un voucher da 10 euro sarà possibile degustare un calice di bollicine con frutta fresca e visitare il Museo Soffici. Prenotazione obbligatoria alla Pro Loco.

Pittura e gusto si incontrano a Poggio a Caiano con “Bollicine, frutta e arte”
Prato, 13 Luglio 2020 ore 12:17

Un appuntamento all’insegna dell’arte e del gusto si aggiunge al cartellone di “Poggio in Vetrina 2020”, la rassegna di eventi organizzata dalla Pro Loco di Poggio a Caiano in occasione dell’apertura serale dei negozi della zona.

Pittura e gusto si incontrano a Poggio

Giovedì 16 luglio è in programma “Bollicine, frutta e arte”, una proposta inedita per gustare le eccellenze della stagione ed ammirare l’arte locale: con l’acquisto di un voucher del costo di 10 euro sarà possibile degustare un calice di bollicine accompagnato da frutta fresca e visitare il Museo Soffici. Realizzato nei suggestivi spazi delle Scuderie Medicee, il museo raccoglie le opere, oltre ad immagini e documenti, del pittore, scrittore e intellettuale del Novecento Ardengo Soffici, che visse a Poggio a Caiano e, attraverso la sua opera, legò il nome del Comune mediceo a quello delle più importanti personalità della cultura dell’epoca, sia italiana che internazionale: da Papini, Prezzolini e Palazzeschi fino ad Apollinaire, Picasso e Max Jacob.

Per partecipare è sufficiente prenotarsi all’ufficio turistico della Pro Loco, acquistare il voucher e durante la serata del 16 luglio, dalle 21 alle 23, presentarsi alla Vineria Medicea (in via Lorenzo Il Magnifico 18) per sorseggiare le bollicine e gustare la frutta e al Museo Soffici per visitare la raccolta di opere del celebre pittore toscano.

Per informazioni e prenotazioni, ufficio Pro Loco via Giuliano da Sangallo 3, telefono 055 8798779, email info@prolocopoggioacaiano.it, pagina Facebook “ProLoco Poggio A Caiano”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità