Menu
Cerca
APPELLO AL PRESIDENTE GIANI

Vertenza Toscana Aeroporti Handling, i sindacati: “Tenere alta la guardia”

700 lavoratori di Toscana Aeroporti Handling, che da circa un anno sono in cassa integrazione .

Vertenza Toscana Aeroporti Handling, i sindacati: “Tenere alta la guardia”
Economia Firenze, 25 Marzo 2021 ore 10:50

Vendita di Toscana Aeroporti Handling, Filt Cgil, Fit Cisl, UilT e Ugl: “Non abbassare la guardia e chiarire la questione, ci sono 700 lavoratori col fiato sospeso”. Appello al presidente della Regione .

Vertenza Toscana Aeroporti Handling

Il comunicato della Cgil Toscana sulla questione della Aeroporto Handling:

Dopo la comunicazione ai sindacati dell’Amministratore Delegato di Toscana Aeroporti Roberto Naldi, con la quale annunciava la decisione di vendere, entro il prossimo giugno, la società Toscana Aeroporti Handling con circa 700 lavoratori nei due scali che si occupano di questo settore, è calato il silenzio. L’azienda non ha più detto niente così come le Istituzioni, e tutti gli altri Enti che hanno una partecipazione nel consiglio di amministrazione di Toscana Aeroporti. Un silenzio assordante che amplifica le paure dei lavoratori dell’Handling per i quali si prospetta un futuro incerto e precario.

Come sindacato unitario non staremo fermi e continueremo nella mobilitazione, a partire dalla denuncia con comunicati stampa, sensibilizzando la politica, le Istituzioni e i parlamentari Toscani. Abbiamo subito aperto le Procedure di raffreddamento e pensato ad altre azioni che vedranno la luce nei prossimi giorni, per mettere sotto lo stesso riflettore anche la questione dei contratti di appalto che vedono coinvolti in maniera indiretta altre centinaia di lavoratori.

Vogliamo subito mettere in chiaro la necessità che l’AD di Toscana Aeroporti venga a riferire in Consiglio Regionale rispetto al piano industriale, agli obiettivi prefissati ed in particolare su cosa intende investire con lo stanziamento di 10 Ml a fondo perduto che la Regione ha deliberato in favore di Toscana Aeroporti. Non si trovino scuse che la società Toscana Aeroporti è quotata in borsa e quindi non si possono dare informazioni; quando un soggetto chiede aiuto alle Istituzioni deve poi anche renderne conto e rendicontare come quei soldi vengono spesi. Il bene comune deve tornare sul territorio per creare lavoro e occupazione.

Pertanto è necessario fare assolutamente chiarezza anche sapendo chi è il potenziale compratore, se è un soggetto del settore, se ha esperienza e capacità imprenditoriali, se ha disponibilità per investire; insomma scoprire le carte, in quanto i lavoratori, che sono stati gettati nell’incertezza, non possono rimanere a lungo così senza sapere qual è il proprio destino.

Pertanto è indispensabile che il Presidente della Regione batta un colpo e faccia chiarezza rispetto agli intendimenti della Regione a partire da come debba votare in consiglio di amministrazione il componente/rappresentante della Regione. Dopodiché chiediamo che scenda in campo insieme ai lavoratori per difendere l’occupazione creando e garantendo certezza per i prossimi anni.

Su questo terreno è importante anche sapere le intenzioni, o che siano ribadite qualora siano state già espresse, sia del Sindaco di Firenze che di Pisa, per salvaguardare l’efficienza del sistema aeroportuale e la professionalità dei lavoratori interessati nonché garantire l’occupazione per i prossimi anni.

Gli Enti pubblici interessati a partire dalle Province, Camere di Commercio etc., che esprimono una rappresentanza in seno al consiglio di amministrazione di Toscana Aeroporti, cosa intendono fare per mettere in sicurezza i lavoratori che all’improvviso si sono ritrovati senza più certezze ne prospettive di futuro?

Insomma tante domande che attendono risposte e che, vogliamo ancora ricordare, interessano i 700 lavoratori di Toscana Aeroporti Handling, che da circa un anno sono in cassa integrazione e che in tale prospettiva passeranno anche tutto il 2021, con stipendi bassi e dimezzati per i quali, la notizia della vendita si è trasformata in drammaticità, con tante famiglie che non sanno come arrivare a fine mese e che da oggi non sanno neanche che fine faranno.

Come sindacato non ci stiamo e metteremo in campo tutte le iniziative possibili per rendere dignità a queste persone e garantire un posto di lavoro stabile e sicuro riaffermando che la Toscana è un luogo di buon lavoro e di buona occupazione.

Firmato: FILT CGIL – FIT CISL – UILT – UGL Toscana

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli