CRONACA

Ristori per il turismo, definite le linee guida per il bando rivolto a strutture ricettive

Al turismo sono destinati complessivamente 14 milioni e 600 mila euro: un bando bis da sei milioni rivolto a taxisti, noleggiatori con conducente ed agenzie di viaggio (con priorità per chi era rimasto escluso dal click day e che sarà pubblicato questa settimana) e 8 milioni e 600 mila euro della delibera di oggi che si tradurranno in ristori da 2500 euro una tantum per villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna, colonie marine e montane, affittacamere per brevi soggiorni, appartamenti vacanze e bed&breakfast, aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte.

Ristori per il turismo, definite le linee guida per il bando rivolto a strutture ricettive
Economia Firenze, 01 Giugno 2021 ore 12:49

Contributi a fondo perduto con risorse europee Por Fesr 2014-2020 assegnate alle Regioni per le strutture ricettive che hanno patito nel 2020 perdite di almeno il 30 per cento sul fatturato. La giunta regionale, su proposta dell’assessore al turismo Leonardo Marras, ha approvato le linee guida del bando che sarà poi istruito dagli uffici e che interesserà le micro, piccole e medie imprese.

Un pacchetto da 25 milioni

La misura di sostegno è parte di un pacchetto toscano più ampio, da 25 milioni di euro, varato a fine marzo e che interessa più categorie. Al turismo sono destinati complessivamente 14 milioni e 600 mila euro: un bando bis da sei milioni rivolto a taxisti, noleggiatori con conducente ed agenzie di viaggio (con priorità per chi era rimasto escluso dal click day e che sarà pubblicato questa settimana) e 8 milioni e 600 mila euro della delibera di oggi che si tradurranno in ristori da 2500 euro una tantum per villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna, colonie marine e montane, affittacamere per brevi soggiorni, appartamenti vacanze e bed&breakfast, aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte.

Per gli alberghi e i residence il contributo potrà essere anche superiore, fino a raddoppiare: dipenderà dalla percentuale di calo del fatturato rispetto allo stesso periodo del 2019. Con perdite superiori all’86 per cento il ristoro sarà infatti di 5000 euro, di 4500 con cali superiori al 70 per cento, 3500 se di almeno il 55 per cento, 3000 euro se pari al 40 per cento o superiori. Dal bando sono esclusi agricampeggi, agriturismi e aree di sosta.

“Il vero aiuto al settore sarà il ritorno dei turisti – sottolinea l’assessore al turismo, Leonardo Marras - Per non farci trovare impreparati abbiamo lavorato a lungo, in questi mesi, con una strategia ben strutturata e una campagna, già avviata, che promuoverà la Toscana in Italia e in Europa. Un ristoro più importante per alberghi e residence e uno da 2500 euro per le strutture più piccole potrà comunque aiutare le imprese a saldare alcune scadenze”.

Per poter richiedere il contributo occorre non avere sospeso l’attività per oltre nove mesi tra il 1 marzo 2020 e il 28 febbraio 2021: sarà dunque richiesto di allegare alla domanda copia di almeno una ricevuta di notifica alloggiati che di solito viene trasmessa agli uffici di pubblica sicurezza.

Il bando sarà gestito da Sviluppo Toscana, società in house della Regione.