Economia
Prato

Confesercenti Prato “Imprese in rosa”, tanti gli incentivi per avviare un’attività

Economia Prato, 17 Febbraio 2022 ore 15:16

Contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per l’imprenditoria femminile: il decreto in GU spiega come funzionano gli incentivi sia per consolidare le imprese che per la nascita di start up.

Confesercenti Prato “Imprese in rosa”

“Le imprenditrici hanno pagato il prezzo più alto della crisi pandemica, ma hanno anche saputo affrontare le difficoltà con eccezionali capacità di resilienza, di adattamento e sono riuscite a gestire le difficoltà in azienda e quelle nell’ambito familiare”. Così Martina Gucci titolare del ristorante G...i DOC ristobistrò di Gucci e Presidente di Impresa donna Confesercenti Prato. “Noi siamo le imprenditrici della resilienza – rimarca Gucci – e ogni giorno ci impegniamo a moltiplicare gli sforzi per accompagnare le nostre aziende in un futuro.  Questo significa che nonostante la crisi pandemica abbia battuto e stia battendo duro sulle imprese, quelle femminili stanno dimostrando capacità imprenditoriale, forte volontà e soprattutto attitudine a studiare il mercato per proiettare la propria attività negli anni a venire”.

 

Ma l’impresa donna ha l’opportunità di crescere anche attraverso il Fondo a sostegno dell’impresa femminile, che incentiva la nascita di imprese femminili e per lo sviluppo e il consolidamento di quelle già esistenti apre una nuova fase per l’imprenditoria femminile.

 

“Aprendo una nuova fase per l’imprenditoria femminile il Fondo rappresenta un’opportunità per sostenere, consolidare e sviluppare le imprese femminili con una particolare attenzione alle azioni di diffusione della cultura e la formazione imprenditoriale”, sottolinea ancora Gucci.

 

“La difficile congiuntura sta portando in ogni caso a scelte aziendali più consapevoli e meditate, che potrebbero in parte essere legate anche alla crescente presenza femminile nelle funzioni di guida delle imprese – conclude Martina Gucci – incentivare la partecipazione femminile all’attività d’impresa, supportandone le competenze e la creatività per l’avvio di nuove iniziative economiche e la realizzazione di progetti innovativi, attraverso contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati, è la strada giusta per una società più equa e inclusiva”.

 

Gli obiettivi dello stanziamento sono la promozione e il sostegno all’avvio e al rafforzamento dell’imprenditoria femminile, lo sviluppo dei valori imprenditoriali presso la popolazione femminile, la massimizzazione del contributo alla crescita economica e sociale del Paese da parte delle donne.

Confesercenti Prato ricorda che gli aiuti consistono in contributi a fondo perduto e finanziamenti destinati a far nascere nuove imprese o a consolidare quelle esistenti.

 

Interventi ammissibili

 

· Investimenti per l’avvio dell’attività e il rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale delle imprese femminili, soprattutto alta tecnologia;

· Programmi e iniziative per la diffusione di cultura imprenditoriale tra la popolazione femminile, formazione e orientamento.

 

Spese ammissibili

 

· Impianti, macchinari e attrezzature nuove di fabbrica;

· Immobilizzazioni immateriali;

· Servizi cloud per la gestione aziendale;

· Personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato.

IMPRESE NUOVE – Tipologia di contributo

Per la creazione di una nuova impresa si possono ottenere contributi a fondo perduto fino ad un massimo di 100mila euro di spese, con una copertura prevista dell’80% fino a 50mila euro.

· Se si tratta di donne disoccupate, la copertura sale al 90%

· Se sono previste spese tra i 100mila euro e i 250mila euro, la copertura scende al 50

CONSOLIDAMENTO DELL’IMPRESA – Tipologia di contributo

· Se l’impresa è costituita da almeno 1 anno ed un massimo di 3, si può arrivare al 50% come fondo perduto e per un altro 50% come finanziamento agevolato di 8 anni a tasso zero, fino all’80% delle spese ammissibili.

· Se l’impresa è in vita da più di 3 anni, si possono avere contributi a fondo perduto per le spese di capitale circolante, un finanziamento agevolato per le spese di investimento, un voucher fino a 5mila euro per impresa per assistenza tecnica e di gestione dell’impresa (3mila euro per servizi di Invitalia).

RICHIESTA DI CONTRIBUTO

Sarà il MiSE, con apposito provvedimento, a indicare la data di avvio delle domande la cui ricezione sarà affidata alla piattaforma di Invitalia.

La valutazione sarà effettuata secondo l’ordine di presentazione con un esame di merito che considera vari criteri dal progetto imprenditoriale alle potenzialità del mercato di riferimento, con un sistema premiale per iniziative ad alta tecnologia

Confesercenti Prato è a disposizione per ogni ulteriore informazione e per assistere le imprese nella procedura di richiesta previste nei vari regolamenti del fondo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter