Cultura
montemurlo

Tornano a casa le spoglie del soldato

Tornano a casa le spoglie del soldato
Cultura Prato, 25 Dicembre 2021 ore 15:30

Era poco più di un ragazzo quando scomparve, toccando suo malgrado da vicino gli orrori della Seconda Guerra Mondiale e la barbarie nazista. L'articolo completo su Bisenziosette n.49 del 24 dicembre 2021.

Tornano a casa le spoglie del soldato

Ma dopo quasi ottant’anni, le sue spoglie torneranno a Montemurlo, dopo nacque nel 1920, e riposeranno nel cimitero comunale. E’ la vicenda che riguarda un giovane montemurlese brigadiere dei carabinieri, Metello Mazzei, che trovò la morte nel 1944 in Germania a Fichtenhain. Aveva solo ventiquattro anni all’epoca, quando con tutta probabilità fu internato (visto che proprio in quell’area i tedeschi allestirono un campo di concentramento).

E’ servita tutta la caparbietà dei discendenti del brigadiere Mazzei per individuarlo ed inoltrare al Ministero della Difesa (in particolare al Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti) la richiesta per il rientro in Italia dei resti. E lo scorso 15 novembre, gli stessi eredi hanno inviato al Comune la domanda finalizzata ad ottenere il nulla osta per il seppellimento perenne dei resti del parente deceduto in guerra in uno spazio idoneo. Che è stata accordata: il militare potrà finalmente riposare in pace nella sua Montemurlo, chiudendo così una lunga vicenda che rievoca giorni dolorosi.

(...) L'articolo completo su Bisenziosette n.49 del 24 dicembre 2021 che trovate in edicola