Stefano Innocenti e il “Nannini” di Vignole i vincitori del concorso dei Presepi 2020 a Quarrata

Come da tradizione, il sindaco di Quarrata Marco Mazzanti ha ospitato in Comune la premiazione del concorso presepi cittadino per il 2020: ecco i vincitori.

Stefano Innocenti e il “Nannini” di Vignole i vincitori del concorso dei Presepi 2020 a Quarrata
19 Gennaio 2020 ore 11:55

Cerimonia in Comune, a Quarrata, arrivati al termine del percorso dell’esposizione de “L’arte dei presepi” che si svolge come sempre al Polo Tecnologico. Due le categorie in lizza per il concorso dei presepi 2020: fra gli artisti successo di Stefano Innocenti (nella foto principale dell’articolo), per scuole ed associazioni si impone l’Istituto “Mario Nannini” di Vignole.

I vincitori del concorso dei Presepi a Quarrata

Sabato 18 gennaio, nella sala del Consiglio Comunale di Quarrata si è svolta la cerimonia di premiazione del concorso “L’arte dei presepi”. Anche quest’anno, dal 30 novembre fino al giorno dell’Epifania, il Polo Tecnologico ha ospitato i 18 presepi in concorso realizzati da artisti, artigiani, associazioni o scuole di Quarrata. Durante i giorni di apertura dell’esposizione i molti visitatori hanno potuto votare il proprio presepe preferito.

concorso presepi quarrata 2020
Il presepe vincitore dell’istituto “Nannini” di Quarrata

Sono state oltre 2200 le preferenze raccolte, che hanno decretato Stefano Innocenti come vincitore della categoria “Artisti e artigiani” con il suo presepe fatto di pietre e l’ “Istituto Mario Nannini” di Vignole come vincitore della categoria “Scuole e associazioni”, che ha creato un presepe dedicato al tema dell’accoglienza, dei migranti e della solidarietà.

Durante la cerimonia di premiazione il Sindaco Marco Mazzanti ha consegnato ai due vincitori una targa di riconoscimento e una pergamena è stata data a tutti i partecipanti alla competizione.

LEGGI ANCHE: Sabato 25 il via alla mostra con Oliviero Toscani

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità