Decreto del ministro Lamorgese

Nuovo cda Opera di Santa Croce

Sanesi: “Buon lavoro a tutti, per me esperienza straordinaria”

Nuovo cda Opera di Santa Croce
Cultura Firenze, 02 Giugno 2021 ore 12:05

Decreto del ministro Lamorgese per il nuovo cda dell’Opera. Ci sono Acidini, Benedetti, Bucelli, Conticelli, Di Benedetto, Ermini e Lo Schiavo. Sanesi: “Buon lavoro a tutti, per me esperienza straordinaria”.

Nuovo cda Opera di Santa Croce

Il ministro dell’interno, Luciana Lamorgese, nelle settimane scorse ha firmato il decreto per la nomina dei componenti del consiglio di amministrazione dell’Opera di Santa Croce.  Il decreto - consegnato ieri dalla Prefettura di Firenze alla stessa Opera - indica i componenti del nuovo cda che resterà in carica tre anni. Sono Cristina Acidini, Aureliano Benedetti, Andrea Bucelli (secondo mandato), Giulio Conticelli (secondo mandato), Maria Di Benedetto, Paolo Ermini e Giancarlo Lo Schiavo.

La presidente Irene Sanesi, insieme ai consiglieri uscenti, esprime “i più cordiali e sinceri auguri di buon lavoro a tutti coloro che sono stati nominati”. “Concludo un’esperienza straordinaria - afferma Sanesi - vissuta nella consapevolezza di svolgere un servizio per la tutela e la valorizzazione di un bene comunitario che non ha eguali. Abbiamo lavorato con impegno su molti progetti legati a una visione d’insieme e di lungo termine, sono sicura che il nuovo consiglio saprà attuare, in un momento storico tanto complesso, le strategie giuste per il futuro”.

Con Irene Sanesi hanno concluso il loro mandato nel cda dell’Opera di Santa Croce il vicepresidente don Alessandro Andreini, Zaira Conti, Marco Pallanti e Ludovica Sebregondi.

L’Opera di Santa Croce venne istituita nel XIV secolo dalla Repubblica fiorentina per sovrintendere ai lavori di costruzione della basilica. È un ente laico che ha il compito di gestire, conservare e valorizzare il patrimonio artistico, storico e religioso del complesso monumentale, proprietà del Fondo edifici di culto del ministero dell’Interno e del Comune di Firenze.

I turisti tornano in Santa Croce