SESTO FIORENTINO

Nomine museo Ginori, Montanari: “La fabbrica della bellezza ritroverà il suo popolo”

Domani su Bisenziosette ampio approfondimento sul Museo e la Fondazione.

Nomine museo Ginori, Montanari: “La fabbrica della bellezza ritroverà il suo popolo”
Piana Fiorentina, 22 Ottobre 2020 ore 14:11

Nomine museo Ginori, la soddisfazione del sindaco Falchi. Tomaso Montanari: “La fabbrica della bellezza ritroverà il suo popolo”.

Domani su Bisenziosette ampio approfondimento sul Museo e la Fondazione.

Nomine museo Ginori

Sono stati nominati ieri, mercoledì 21 ottobre, con la firma del decreto da parte del ministro Dario Franceschini, i membri del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Archivio Museo Richard Ginori della manifattura di Doccia, cui spetterà la gestione del museo.
La presidenza è stata attribuita allo storico dell’arte Tomaso Montanari. Su indicazione della Regione Toscana è stato nominato consigliere Maurizio Toccafondi, mentre Gianni Pozzi siederà nell’organo per il Comune di Sesto Fiorentino. Il Ministero ha indicato inoltre Stefano Casciu, direttore del Polo museale toscano, e Nicoletta Maraschio.
Il professor Montanari ha presentato le dimissioni da consigliere speciale del sindaco di Sesto Fiorentino per le politiche culturali.

La soddisfazione del Sindaco

“È una notizia bellissima e a lungo attesa da tutta la nostra città – commenta il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi – Con la nomina e l’insediamento del CdA il percorso verso la riapertura del Museo di Doccia inizia finalmente a muovere i primi passi operativi. Sono molto soddisfatto della scelta di Tomaso Montanari che, oltre rappresentare un profilo di altissimo livello sul piano delle competenze, in questi anni si è speso in prima persona affinché il nodo della Ginori e del suo museo venisse sciolto. Ho preso atto delle sue dimissioni da consigliere speciale e lo ringrazio per il lavoro svolto fino ad oggi per la nostra città”.

Le parole di Montanari

“Ho accolto con sorpresa, ma anche con entusiasmo, l’inaspettata decisione del ministro Dario Franceschini di propormi la presidenza della Fondazione Ginori: un impegno, a titolo gratuito, che interpreto come un servizio alla comunità, e alle istituzioni – afferma Montanari – Lo ringrazio per la fiducia, così come ringrazio il sindaco di Sesto Lorenzo Falchi, l’assessore uscente alla Cultura della Regione Toscana Monica Barni, e il neopresidente Eugenio Giani per l’immediato consenso sul mio nome. E saluto gli altri membri del cda: Stefano Casciu, Nicoletta Maraschio, Gianni Pozzi e Maurizio Toccafondi, con i quali inizia un impegnativo lavoro comune”.
“Il Museo Ginori – dice ancora Montanari – è una sfida straordinaria: per il territorio della Piana, per il futuro di questa strepitosa storia culturale e sociale, per costruire un’altra idea di museo e di patrimonio. Un continuo confronto con i cittadini, con le amministrazioni e con le forze sociali e produttive del territorio sarà la condizione essenziale per ogni passo della Fondazione. I lavori all’edificio museale e la messa in sicurezza delle collezioni, la definizione del contesto urbanistico e la scelta del direttore sono i primi, ineludibili appuntamenti”.
“Questa grande storia popolare ed operaia – prosegue – riesce a tenere insieme le idee imprenditoriali del marchese Carlo Ginori e la scultura barocca toscana, i discorsi di don Milani sullo sciopero e le creazioni di Giò Ponti, la nascita del Mutuo Soccorso e le devastazioni della globalizzazione: il museo deve essere capace di raccontare questo intreccio continuo di arte e di lavoro, in una casa comune aperta alla comunità di Sesto, e a tutti. La fabbrica della bellezza ­– questo è il mio impegno – ritroverà il suo popolo”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità