brutto episodio

Violenza sessuale su una minore pratese, denunciato un 29enne di Chiusi

Denuncia a piede libero per un 29enne di Chiusi accusato di violenza sessuale, adescamento di minorenni e pornografia minorile: voleva convincere la sua vittima che esisteva il "mondo delle fate" da salvare con foto della minorenne nuda.

Violenza sessuale su una minore pratese, denunciato un 29enne di Chiusi
Cronaca Prato, 19 Giugno 2021 ore 10:54

Le indagini condotte dagli uomini della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Prato, con l'ausilio del personale della Sezione di Siena, coordinate dalla Procura della Repubblica di Firenze nella persona del Sostituto Procuratore Dott.ssa Giunti, hanno portato alla denuncia di un uomo di 29 anni di Chiusi per adescamento di minorenni, violenza sessuale e pornografia minorile.

Violenza sessuale, nei guai un 29enne senese

La vittima, adescata dall'uomo tramite un noto social network veniva indotta, attraverso una manipolazione psicologica, a produrre foto e video a contenuto sessualmente esplicito.

L'uomo si approfittava di uno stato di inferiorità della minore (soggetto invalido con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni della sua età), inducendola a credere nel mondo delle fate e la convinceva a mandare contenuti sessualmente espliciti in quanto erano necessari per la sopravvivenza delle fate stesse.

La minore, nonostante il suo deficit cognitivo, riferiva delle chat con il proprio aguzzino alla madre, che formalizzava denuncia presso gli uffici della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Prato.

Le indagini portavano ad emettere un decreto di perquisizione domiciliare ed informatica, con rinvenimento sia dell'utenza telefonica che dello smartphone utilizzato per la connessione al profilo social con cui adescava vittime minorenni col solito modus operandi.

E' emerso, inoltre, un altro profilo di nota messaggistica in cui il soggetto scambiava il materiale pedopornografico ottenuto dalle proprie vittime al fine di riceverne altro più spinto, infatti sui dispositivi sono state rinvenute numerose immagini e video. L'uomo è stato deferito in stato di libertà all'Autorità Giudiziaria di Firenze.