CANCELLI CHIUSI

Sindaco “rifiutato” dalla Toscana: vive a Codogno

Sindaco “rifiutato” dalla Toscana: vive a Codogno
09 Luglio 2020 ore 14:52

Rifiutata la prenotazione in albergo in Toscana (sembra che la struttura sia tra Pisa e Livorno) del sindaco Davide Passerini, di Fombio, in provincia di Lodi. Perché? E’ residente a Codogno.

Sindaco residente a Codogno “rifiutato” dalla Toscana

l sindaco Alessandro Gardoni dopo aver appreso che al sindaco Davide Passerini è stata negata la prenotazione in un albergo in Toscana, perché residente a Codogno, lo ha invitato a Valeggio. Insieme a lui, il B&B Regia Rosetta ha messo a disposizione una delle sue meravigliose camere.

“Non posso pensare ad atteggiamenti denigratori”

Dopo aver appreso su diverse testate giornalistiche la triste notizia del diniego da parte di una struttura ricettiva in Toscana, della prenotazione di Davide Passerini, sindaco di Fombio, piccolo paese della provincia di Lodi, e che risiede a Codogno, il sindaco Alessandro Gardoni lo invita a Valeggio sul Mincio. Gardoni afferma:

“Sono davvero dispiaciuto. Ora che il nostro paese deve ripartire, seppur in maniera differente da prima, non posso pensare ad atteggiamenti denigratori verso chi ha lottato nei mesi passati per uscire da una crisi sanitaria che ha paralizzato non solo l’Italia“.

Felici di poterlo ospitare

La reazione positiva e di apertura è arrivata non solo dal sindaco, ma anche da parte dei gestori del B&B Regia Rosetta – Royal Rooms di Borghetto e di altri valeggiani che si sono detti felici di poter accogliere chiunque voglia soggiornare a Valeggio sul Mincio, senza esclusione alcuna. Il sindaco ha concluso:

Saremmo davvero felici di poterlo ospitare e di potergli mostrare le nostre bellezze, oltre che fargli sentire la nostra vicinanza, immutata dall’inizio dell’emergenza sanitaria“.

Il primo cittadino ha inoltrato una lettera al sindaco Passerini e spera di ricevere presto una risposta positiva.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità