GROSSA MULTA

Reggello: colti sul fatto mentre bruciavano rifiuti speciali

I due poi si è scoperto essere padre e figlio.

Reggello: colti sul fatto mentre bruciavano rifiuti speciali
Cronaca Firenze, 18 Febbraio 2021 ore 09:43

Militari della Stazione CC Forestale di Reggello (FI), percorrendo la strada di Pian di Rona che dalla località Matassino porta alla località Prulli, in comune di Reggello (FI), notavano una colonna di fumo di colore nero provenire da un terreno adiacente alla linea ferroviaria Roma-Firenze.

Colti sul fatto mentre bruciavano rifiuti speciali

Raggiunto il luogo dell’abbruciamento, all’interno di terreno privato recintato, posto tra la linea ferroviaria suddetta e l’autostrada A1, il cui cancello carrabile era aperto, vi erano due persone intente a bruciare due cumuli di rifiuti, visivamente riconducibili per la maggior parte a materiale legnoso, composto da porte, assi di legno, bancali di legno, ma anche con la presenza di materiale plastico non meglio identificabile, in quanto ormai combusto e sciolto.

I soggetti venivano immediatamente identificati Sul posto era presente anche un furgone di proprietà di uno dei due, dotato di cassone ribaltabile sul quale erano presenti gli stessi rifiuti legnosi non pericolosi, oggetto di abbruciamento.

Da accertamento presso l’Albo Gestori Ambientali di Firenze, i militari appuravano che il mezzo non risultava autorizzato al trasporto dei rifiuti.

Sul terreno, non di proprietà dei due ma dato in uso da altra persona, erano inoltre presenti numerosi rifiuti speciali non pericolosi di vario genere, oggetto di abbandono incontrollato sul suolo, tutti riconducibili ad una attività edile.

Vista la vicinanza sia alla linea ferroviaria che alla rete autostradale, i Carabinieri forestali chiedevano l’intervento di una squadra dei Vigili del Fuoco, che procedeva a spegnere il cumulo in combustione.

Erano padre e figlio

I due uomini, padre e figlio, venivano dunque denunciati all’AG per il reato di smaltimento illecito di rifiuti speciali non pericolosi tramite combustione al suolo, previsto dal Testo Unico Ambientale (TUA).

I Carabinieri forestali hanno ritenuto applicabile la procedura contemplata dal TUA che consente l’estinzione del reato, dietro ottemperanza entro un tempo determinato di prescrizioni, nella fattispecie lo smaltimento dei rifiuti depositati sul terreno, e il pagamento di una sanzione amministrativa di 6500 euro per ciascun trasgressore.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli