Rapinato da due transessuali brasiliani in via Firenze a Prato

Vittima un 54enne italiano. Uno dei due aggressori è stato arrestato

Rapinato da due transessuali brasiliani in via Firenze a Prato
Prato, 14 Settembre 2019 ore 12:12

Rapinato da due transessuali brasiliani in via Firenze a Prato. Vittima un 54enne italiano. Uno dei due aggressori è stato arrestato. E’ accaduto stanotte, alle 3.50, quando un equipaggio delle volanti, unitamente ad una pattuglia della locale sezione della Polizia stradale e una dell’Arma dei carabinieri, è stato inviato in via Firenze, nella vicinanze dello stadio, in seguito alla segnalazione di una rapina appena subita da un cinquantaquattrenne italiano. L’uomo era stato avvicinato in strada da due transessuali brasiliani che, dopo averlo fermato con il pretesto di farsi offrire una sigaretta, lo avevano improvvisamente aggredito, introducendosi nella sua auto, danneggiandola vistosamente e appropriandosi di 80 euro in contanti contenuti nel portafoglio della vittima, per poi darsi entrambi alla fuga.

Gli agenti della volante, giunti rapidamente in zona, hanno rintracciato uno dei due transessuali nella vicina piazza Stazione, dove lo stesso aveva appena aggredito un secondo italiano, danneggiandogli anche in questo caso l’auto.

Contenuto, bloccato e messo in sicurezza dagli operatori, nonostante la viva resistenza posta in essere, il sudamericano veniva poi identificato per un ventottenne brasiliano domiciliato a Prato, straniero con precedenti di polizia per reati di varia natura e  irregolare sul territorio nazionale. Riconosciuto dal cinquantaquattrenne vittima della rapina, il transessuale veniva trovato ancora in possesso dei 40 euro sottratti all’italiano, mentre il restante denaro era stato preso dall’altro sudamericano, che però è riuscito a far perdere le proprie tracce.

Il ventottenne transessuale è stato arrestato per rapina aggravata, danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità