Cronaca
CRONACA

Prato, arrestato corriere della droga e sequestrati 25 chili di cocaina

Erano destinati allo spaccio nel centro storico

Prato, arrestato corriere della droga e sequestrati 25 chili di cocaina
Cronaca Prato, 01 Marzo 2022 ore 15:25

La Polizia di Stato di Prato, nella fattspecie gli investigatori della Squadra Mobile, ha arrestato
nei giorni scorsi un cittadino marocchino di ventinove anni, pluripregiudicato e già condannato per
reati contro il patrimonio ed inerenti gli stupefacenti, fermato al casello autostradale Prato Est e
trovato in possesso di 2,5 chilogrammi di cocaina, destinata ad essere spacciata al dettaglio nel
centro storico pratese.

Gli investigatori della Squadra mobile

L’attività dagli investigatori della Squadra Mobile si inquadra nell’azione, come noto
intensificata nel corso dell corrente anno, di repressione e cotnrasto di tutte le fenomenologie
delittuose che minano la percezione di sicurezza della collettività che vive o frequenta il centro
cittadino, tra le quali lo spaccio di droga assume una particolare rilevanza, atteso l’indotto
delinquenziale prodotto dai cd “pendolari” , spacciatori e/o acquirenti, che si recano a Prato solo per
suddetto fine illecito.

L’attenzione degli investigatori si è pertanto concentrata nell’osservazione e monitoraggio
delle zone limitrofe alla piazza Duomo ed alla poco distante stazione ferroviaria del Serraglio.
Nei giorni precedenti all’arresto, lo straniero era stato seguito fino al luogo di residenza a
Signa, in provincia di Firenza, dove alloggiava all’interno di una roulotte parcheggiata in un campo
e dove risultava sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia
giudiziaria. L’uomo utilizzava per gli spostamenti la stessa Mercedes classe B, sulla quale è stato
fermato nei giorni scorsi all’uscita del casello autostradale. Inizialmente, il ventinovenne affermava
di essere di ritorno da una visita ad amici nella provincia di Bologna ma il tagliando autostradale
non lasciava spazio a dubbi sul fatto che invece la sua provenienza fosse quella del capoluogo
lombardo, dove si riforniva dello stupefacente.

L’attenzione degli investigatori si concentrava su un dettaglio dell’automobile: i cerchioni dell’auto sembravano appoggiati e privi di viti. E’ bastata la semplice rimozione di essi per trovare dietro ai paraurti due panetti sottovuoto incartati con carta di
colore rosso, che risultavano contenere un ammontare complesivo di circa 2,5 kg di cocaina, che
rivenduta sul mercato del centro cittadino avrebbe fruttato una somma di circa 250.000 euro.
Gli elementi raccolti e la flagranza di reato sono stati ritenuti sufficienti agli inquirenti per
disporre l’arresto dell’indagato, che veniva condotto presso la casa circondariale “La Dogaia”.

La misura è stata convalidata dall’Autorità Giudiziaria e confermata in sede di udienza preliminare,
svoltasi in queste ore.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter