Pistoia, protocollo d'intesa Provincia e Distretto per il verde urbano

La Provincia di Pistoia ed il Distretto Rurale Vivaistico mettono nero su bianco un protocollo d'intesa per lo sviluppo del verde urbano sul territorio.

Pistoia, protocollo d'intesa Provincia e Distretto per il verde urbano
Cronaca Pistoia, 25 Febbraio 2019 ore 16:49

Importante passo in avanti in ambito di distretto rurale vivaistico ornamentale con la firma del Protocollo d'intesa con la Provincia di Pistoia: il parere dei protagonisti

Ecco il protocollo d'intesa Provincia-Distretto

Presentati stamani, presso la sede della Provincia di Pistoia, i contenuti del Protocollo d'intesa che sarà siglato dalla Provincia di Pistoia e dal Distretto Rurale Vivaistico-Ornamentale sulla pianificazione e la progettazione del verde urbano per la qualità dei territori della Provincia di Pistoia. Presenti il Presidente della Provincia Rinaldo Vanni, il Presidente del Distretto Rurale Vivaistico-Ornamentale Francesco Mati e il Dirigente della Provincia Renato Ferretti.

Verde urbano, aree verde, percorsi del verde, più piante, in ambito urbano e peri-urbano. Verde messo a dimora con una pianificazione strategica, realizzata da professionisti con specifiche conoscenze tecnico-scientifiche, e basata su prodotti provenienti direttamente dal territorio, “verde a km 0”, come lo ha definito il Presidente Vanni.

L'obiettivo è dare alla nostra provincia un assetto del territorio più naturale, esteticamente più bello, con allestimenti a verde, arredi verdi e perfino pareti verdi, ottenendo anche una importante ricaduta in termini di vivibilità e di salubrità, per gli spazi aperti da vivere e per ridurre gli effetti dell' inquinamento.

Vanni evidenziando l'importanza di scelte volte all'effettivo potenziamento del verde - al di là di quanto già previsto dalle normative e di quanto si dice a parole - e auspicando che l'esperienza virtuosa che parte oggi da Pistoia si diffonda per l'Italia con un numero infinito di repliche, ha tenuto a ribadire che si tratta di un'azione tutta orientata sul futuro in cui i Comuni giocano un'azione centrale. Mati ha detto che i contenuti del protocollo presentato oggi consentono a Pistoia l'imprimatur che altre città sono lontane da raggiungere, sottolineando che l'attuazione dell'accordo consentirà di muoversi verso la produzione on-demand, rilevante sotto vari profili, anche quello del contenimento del prezzo.

Ferretti ha illustrato i fondamenti scientifici e tecnici alla base dei contenuti del protocollo, soffermandosi sull'imprescindibilità di un cambiamento culturale relativamente alla consapevolezza del ciclo di vita del verde, dicendo che se è a tutti evidente che una panchina messa in un giardino dura un certo numero di anni e poi deve essere sostituita altrettanto deve essere capito e praticato per gli alberi.

LEGGI ANCHE: Nel 2019 il vivaismo pistoiese compie 170 anni. Questa la sua storia