CINQUANT'ENNE NEI GUAI

Perseguita ex compagna: sorveglianza speciale per un cinquantenne di Prato

Perseguita ex compagna: sorveglianza speciale per un cinquantenne di Prato
Cronaca Prato, 26 Gennaio 2021 ore 15:33

La Questura di Prato ha notificato ad un cittadino residente a Prato, classe 1967, la misura della  sorveglianza speciale di P.S. per due anni.

Perseguita ex compagna

Il provvedimento, disposto dall’Ufficio Misure di  Prevenzione del Tribunale di Firenze, fa seguito alla proposta ed agli accertamenti svolti da  personale di questa Divisione Anticrimine, dai quali sono emersi rilevanti profili di “pericolosità  qualificata” ai sensi del “codice antimafia” a carico del soggetto che si è reso responsabile negli  ultimi anni di numerosi atti persecutori e di violenza ai danni della ex compagna.

La misura trova applicazione in forza del pronunciamento della Corte di Appello di Firenze  depositato lo scorso 14 gennaio, che ha respinto il ricorso presentato dal destinatario della misura,  ritenendo fondate le argomentazioni.

Nel provvedimento, oltre ai significativi precedenti penali e di polizia gravanti sul proposto, è  stata evidenziata l’esistenza di gravi indizi di colpevolezza del reato di cui all’art.612 bis c.p., in  considerazione del fatto che la persona offesa è stata ripetutamente minacciata dal soggetto, oltre che  umiliata, pedinata, insultata di fronte a più persone con messaggi telefonici, aggredita fisicamente  con strattonamenti, spintoni a terra e calci.

Non si potrà avvicinare alla donna

A tutela dell’incolumità della parte lesa sono state comminate ulteriori prescrizioni, quali il  divieto di avvicinarsi ai luoghi (residenza, dimora, lavoro, luoghi di vacanza o di viaggio)  normalmente frequentati dalla vittima, e l’obbligo di mantenersi in ogni caso ad almeno 300 metri di  distanza dalla persona offesa e di allontanarsi immediatamente in caso di incontro occasionale,  nonché il divieto di effettuare, con ogni mezzo (epistolare, telefonico, telematico o altro), qualsiasi  comunicazione con la vittima e con le persone a lei legate da vincoli familiari o affettivi.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli