PRATO

Morto il sacerdote rimasto ustionato sabato

Sabato scorso, immediatamente informato dell’accaduto, il vescovo Giovanni Nerbini ha inviato un messaggio a tutti i preti della Diocesi chiedendo di pregare per il confratello.

Morto il sacerdote rimasto ustionato sabato
Prato, 26 Agosto 2020 ore 21:03

È morto don Luigi Provenzi, il sacerdote della diocesi di Prato rimasto gravemente ustionato dopo essere caduto sulle braci di un fuoco, acceso per bruciare delle sterpaglie.

Morto il sacerdote rimasto ustionato

L’incidente è avvenuto sabato scorso, 22 agosto, e le sue condizioni sono apparse immediatamente gravissime. Dopo un primo intervento al cuore fatto all’ospedale di Prato, l’anziano sacerdote, 79 anni, è stato trasportato d’urgenza in elicottero al centro grandi ustionati di Pisa. Qui è stato sedato, intubato e ricoverato nel reparto di terapia intensiva. Inizialmente le sue condizioni, pur gravissime, sono state stabili, poi sono arrivate delle complicazioni renali che hanno peggiorato ulteriormente la sua fragile situazione. A dare la notizia del decesso, avvenuto alle 18,30 di oggi, è stato il vicario generale della Diocesi monsignor Nedo Mannucci, che fin dall’inizio è stato in costante contatto con i familiari di don Provenzi. In particolare con la nipote Anna Lancini. È stata lei a trovare lo zio a terra, nel giardino dell’antico complesso di San Domenico, dove la mattina di sabato scorso il sacerdote ha acceso un fuoco per bruciare degli aghi di pino. L’incidente, causato probabilmente da un malore, era avvenuto da poco, don Provenzi aveva provato a uscire dai tizzoni ardenti ma è riuscito solo parzialmente a mettersi in salvo.

Il fuoco

Sabato scorso, immediatamente informato dell’accaduto, il vescovo Giovanni Nerbini ha inviato un messaggio a tutti i preti della Diocesi chiedendo di pregare per il confratello. Poi il giorno successivo, domenica 23 agosto, il Vescovo ha deciso di sostituire don Luigi in parrocchia e ha presieduto la messa festiva del mattino in San Domenico. Al termine della celebrazione monsignor Nerbini ha informato personalmente i fedeli sulle condizioni di salute del loro parroco e invitato i presenti alla più ampia collaborazione affinché le attività della comunità parrocchiale possano andare avanti.

Nelle ore precedenti il decesso, dopo aver saputo del peggioramento delle condizioni di don Provenzi, il Vescovo ha inviato un nuovo messaggio al clero chiedendo di affidare l’anziano sacerdote nelle mani del Signore.

La vita

Don Luigi Provenzi è nato l’11 maggio 1941 a Palazzuolo sull’Oglio in provincia di Brescia. A Prato è arrivato nella metà degli anni Sessanta, poco più che ventenne, per far parte del cosiddetto Seminario degli adulti creato dall’allora vescovo Pietro Fiordelli. Una esperienza che ha portato in Diocesi molti futuri sacerdoti provenienti dal nord Italia. Ordinato prete nel 1972, il primo incarico di don Provenzi è quello di vice rettore del Seminario. Poi quattro anni più tardi, monsignor Fiordelli gli chiede di dar vita a una nuova parrocchia: quella dei Santi Martiri nella zona del Cilianuzzo. Qui vi rimane per circa trent’anni, un periodo durante il quale segue la costruzione dei locali parrocchiali e della chiesa, consacrata il 25 maggio 1997. Poi diventa vice parroco della cattedrale e nel 2007 viene nominato parroco di San Domenico, incarico che porta avanti insieme all’amico don Pierluigi Milesi, il cappellano dei lavoratori pratesi scomparso lo scorso anno all’età di 78 anni.

Le modalità e gli orari di rientro a Prato della salma e delle esequie saranno comunicate quanto prima.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità