L’Oncologia del Santo Stefano premiata con il prestigioso “Investigator Grant”

Finanziato un progetto per lo studio del tumore della mammella in fase avanzata.

L’Oncologia del Santo Stefano premiata con il prestigioso “Investigator Grant”
Prato, 12 Febbraio 2020 ore 10:37

L’oncologia del Santo Stefano di Prato, diretta dal dottor Angelo Di Leo premiata dalla Fondazione Italiana per la ricerca sul cancro- AIRC, con il prestigioso “Investigator Grant”.

L’Oncologia del Santo Stefano premiata

La struttura oncologica pratese è accreditata Centro di eccellenza a livello nazionale e da anni, grazie al dottor Di Leo, è stata costituita una rete di collaborazioni scientifiche in ambito nazionale ed internazionale.

“ Da tempo siamo fortemente impegnati nel campo della ricerca che deve avanzare insieme all’assistenza – spiega Di Leo – è indispensabile che la terapia sia associata alla ricerca per offrire ai pazienti la miglior cura possibile. Il riconoscimento di AIRC conferma il lavoro svolto ed è il risultato della capacità professionale e della disponibilità e collaborazione del personale. Siamo orgogliosi di aver ricevuto questo importante premio che sicuramente apre importanti nuove prospettive di ricerca.”

Il progetto premiato

Airc ha premiato il progetto presentato dal dottor Luca Malorni, oncologo e ricercatore che opera nella struttura ospedaliera pratese nell’ambito del Dipartimento oncologico diretto dalla dottoressa Luisa Fioretto.

Si tratta di oltre 770.000 euro nell’arco dei cinque anni per lo studio dei tumori della mammella in fase avanzata o metastatica che manifestano i recettori ormonali e rappresentano la forma più frequente di tumore al seno.

L’Investigator Grant è destinato a progetti selezionati da esperti internazionali per la loro rilevanza al cancro, l’innovatività, la fattibilità ed il potenziale impatto positivo sui pazienti.

Tumore al seno

Le donne con tumore al seno possono essere trattate con una terapia standard a base di farmaci anti-ormonali in associazione con farmaci a bersaglio molecolare (noti come inibitori di CDK4/6).

Questo tipo di trattamento è molto efficace nel controllare la malattia metastatica nella maggior parte delle pazienti e garantisce una buona qualità di vita anche in considerazione degli scarsi effetti collaterali.

Nel 10-15% dei casi non si osserva però alcun beneficio dalla terapia e conseguentemente gli oncologi non hanno informazioni accurate su come proseguire le cure, dovendo spesso scegliere l’utilizzo della chemioterapia che ha effetti collaterali più marcati.

 

E’ stato proprio questo il punto di partenza dei ricercatori: hanno identificato dei test molecolari che potrebbero permettere di riconoscere precocemente quei casi che non avrebbero benefici dai trattamenti con terapia standard.

Questi test, in alcuni casi effettuabili sul sangue senza necessità di eseguire biopsie invasive, permetterebbero di indirizzare quel 10-15% di pazienti verso forme di terapie più efficaci. I risultati ottenuti finora con questi test sono promettenti ma è comunque necessario proseguire la ricerca aumentando il numero delle pazienti in modo da poter confermare la loro reale utilità clinica.

Il progetto permetterà di approfondire questi studi ed in particolare il finanziamento di AIRC sarà destinato ad uno studio clinico per la raccolta di campioni di sangue e tessuto tumorale su cui verranno effettuati i test di laboratorio. Lo studio, guidato dal team pratese, coinvolgerà altri centri oncologici italiani tra cui IEO di Milano, il CRO di Aviano , l’ospedale San Martino di Genova e le Università di Bologna e Napoli.

 

“Siamo riconoscenti ad AIRC – ci tiene a sottolineare Malorni – anche per il supporto che ci ha offerto negli anni passati, i finanziamenti ottenuti ci hanno permesso, circa sei anni fa, di far partire il nostro programma di ricerca e di crescere sia come ricercatori che come gruppo, sempre nell’interesse dei pazienti.”

Il progetto di ricerca prevede anche una serie di esperimenti che saranno condotti nel laboratorio di ricerca traslazionale e nell’unità di bioinformatica dell’ospedale Santo Stefano di Prato per capire quali siano i meccanismi molecolari legati ai fenomeni di resistenza farmacologica alle terapie standard e per scoprire nuove strategie terapeutiche per queste pazienti.

“Mi complimento con il gruppo di ricerca di Prato – aggiunge il direttore del Dipartimento Oncologico dell’Azienda Sanitaria, Luisa Fioretto – e sottolinea come si possa svolgere ricerca ad alto livello anche in strutture ospedaliere a preminente vocazione clinica.”

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità