CRONACA

Il comitato provinciale Area pretese incontra il Prefetto

Tra i temi affrontati l’elevazione di grado della Questura da fascia C attuale, a fascia B su cui Il Comitato ha registrato una forte convergenza con il Prefetto

Il comitato provinciale Area pretese incontra il Prefetto
Cronaca Prato, 18 Marzo 2021 ore 17:17

Mercoledì 17 marzo 2021 la presidente del Comitato Provinciale Area Pratese la Dott.ssa Angela Castiello e il responsabile alle relazioni esterne il Dott. Fabio Nesti hanno avuto un incontro da remoto con la Dott.ssa Adriana Cogode Prefetto di Prato. Come è noto, il Comitato d’iniziativa per la costituzione della Provincia di Prato nacque ufficialmente nel Salone Consiliare del Comune di Prato il 14 dicembre 1955 per iniziativa di cinque cittadini e svolse fin dalla sua istituzione un’intensa attività.

Un incontro da remoto

Successivamente all’istituzione della Provincia di Prato, nel 1995 fu deciso di adottare il nome che contraddistingue ancora oggi il Comitato, che ha proseguito la sua intensa attività a difesa dell’autonomia provinciale e per la promozione del territorio pratese.

La presidente del C.P.A.P. ha evidenziato la difficoltà per i cittadini della nostra Provincia causata dalla mancanza di un ufficio territoriale della motorizzazione civile, ormai assente dal 2012, e ha espresso la criticità di questo periodo di zona rossa, in quanto i nostri ragazzi non possono sostenere esami di guida nonostante la motorizzazione di riferimento a Firenze sia operativa.

La dott.ssa Cogode concorda su quanto sia importante per una Provincia come Prato, terza realtà dell’Italia Centrale, avere una propria autonomia riguardante tutti gli uffici su cui si basa l’esistenza di una Provincia, come ad esempio un ufficio provinciale della motorizzazione civile.

Secondo tema affrontato con la Dott.ssa Cogode riguarda l’elevazione di grado della Questura da fascia C attuale, a fascia B su cui Il Comitato ha registrato una forte convergenza con il Prefetto. L’elevazione di grado della Questura andrebbe immediatamente ad incidere sugli organici della nostra Squadra Mobile. Oggi più che mai, abbiamo bisogno di questo provvedimento, per far si che venga messa effettiva mano agli organici dei poliziotti deputati al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti ed al controllo del territorio per garantire la massima sicurezza ai cittadini. Non solo il Prefetto ha evidenziato che anche altri corpi delle forze dell’ordine, come ad esempio la Guardia di Finanza, hanno bisogno di più risorse con un numero congruo di agenti per assicurare legalità e giustizia.

Ultimo tema trattato, ma non meno importante, si riferisce al servizio di Alta Velocità ferroviaria che interessi anche Prato. Il Dott. Nesti ha sottolineato come fermate di treni ad alta velocità siano state collocate, per esempio a Chiusi piccolo centro in provincia di Siena e,non a Prato. Prato è provvista di linee consone a tratte ad alta velocità perché quando ci sono problematiche sulla linea A.V. molti treni vengono deviati in transito a Prato impegnando la vecchia linea, ciò significa che il transito dei treni veloci sulla linea convenzionale Prato Bologna è possibile. La richiesta del comitato è l’istituzione di una coppia di treni per Roma e Milano al mattino e alla sera per il ritorno, che colleghino direttamente Prato con le due metropoli. Teniamo ben presente che le quattro fermate a Prato Centrale porterebbero sicuramente un incremento di viaggiatori residenti in Provincia di Prato e nelle due Province limitrofe di Pistoia e Lucca (probabilmente anche residenti di Campi e Calenzano) e si eliminerebbe dall’isolamento dalla A. V., la terza città dell’Italia Centrale e una larga fetta della zona più popolosa della Toscana.

Il Prefetto ha dimostrato interesse alla questione e a breve le invieremo un dossier completo che il Dott. Nesti ha accuratamente preparato.
Il Comitato ringrazia la dott.ssa Cogode per la disponibilità, sicuri di un proficuo inizio di collaborazione, ed esprimo personalmente un vivissimo apprezzamento per l’attenzione posta dal Prefetto alle criticità del nostro territorio e per l’impegno che ha mostrato durante l’incontro, da parte mia ci sarà la massima disponibilità per un lavoro costruttivo.