Gli ultimi produttori di aquiloni sono qui

Il laboratorio presente a Sesto Fiorentino è l’unico esistente in tutta Italia. Oggi, infatti, non c’è più nessun altro produttore che realizzi e costruisca aquiloni. Leonardo e suo padre Vanni, da tempo in pensione, sono dei veri e propri artigiani.

Gli ultimi produttori di aquiloni sono qui
Piana Fiorentina, 02 Febbraio 2020 ore 09:47

Sono rimasti ormai gli unici produttori in Italia. Leonardo: «Da 30 anni realizziamo i primi oggetti volanti al mondo, dai modelli più semplici a quelli professionali».

L’intervista uscita su Bisenziosette il 17 gennaio 2020.

Gli ultimi produttori di aquiloni

Nei giorni scorsi Leonardo Pecchioli, 50 anni,  ha partecipato al programma “I Soliti Ignoti” su Raiuno ed è così riemersa la sua nobile professione: costruire aquiloni. Da oltre 30 anni l’azienda Pm Model di via Potente a Sesto Fiorentino, fondata da Vanni e Leonardo Pecchioli, progetta e realizza aquiloni, dai modelli più semplici per bambini in bambù e carta velina, ai modelli professionali, in carbonio e spinnaker. Il laboratorio presente a Sesto Fiorentino è l’unico ad esistere in tutta Italia. Oggi, infatti, non c’è più nessun altro produttore che realizzi e costruisca aquiloni.

La storia

Leonardo e suo padre Vanni, da tempo in pensione, sono dei veri e propri artigiani.

«L’aquilone  – ha raccontato a Bisenziosette Leonardo – è stato il primo oggetto volante con il quale l’uomo ha sfidato la gravità terrestre. E’ nato in oriente, nella Cina di 2500 anni fa, e i suoi primi usi hanno a che fare con la spiritualità dell’uomo e la religione; fin dall’inizio, esso era costruito con bambù, carta o seta, materiali molto fragili e facilmente deperibili. Inizialmente, nei primi anni ottanta,  mio padre che da sempre vola in deltaplano, aveva aperto un negozio di modellismo dove venivano costruiti aeromodelli, poi sempre di più con il mio avvento in azienda, intorno agli anni novanta, abbiamo iniziato a concentrarci sulla produzione degli aquiloni. Oggi produciamo ogni tipo di aquilone, da quelli per bambini, a quelli a livello acrobatico. Siamo specializzati nella realizzazione di progetti speciali o su misura. La nostra esperienza ci ha permesso negli anni di collaborare con importanti partner nell’allestimento di mostre, esposizioni e fiere internazionali e nelle scorse settimane, ad esempio, abbiamo partecipato anche a Pitti moda. Principalmente la nostra produzione si rivolge al mercato italiano, in particolare nelle città del nord ed in Emilia Romagna dove l’aquilonismo è maggiormente diffuso. Non a caso, la fiera di settore più importante a livello italiano, alla quale ovviamente partecipiamo, si tiene ogni anno a Cervia. Negli ultimi anni, ci siamo specializzati nella realizzazione di corsi didattici nelle scuole e nei centri estivi eseguendo laboratori differenziati in base all’età dei ragazzi e all’esigenza della struttura. Durante l’estate ci rechiamo nei villaggi turistici di tutto il mondo riuscendo ad incantare grandi e  piccini.  Abbiamo svolto laboratori in Messico o in Egitto, ma anche sulla costa toscana, presso la cittadella del carnevale di Viareggio o l’ospedale pediatrico Meyer. La nuova frontiera è rappresentata dai grandi aquiloni a led, che vengono fatti volteggiare con una canna da pesca e che sono capaci di assicurare di notte un effetto di grande attrattività e interesse. Altra iniziativa è poi  l’aquilotrekking che consente ai ragazzi di passeggiare nella natura facendoli divertire costruendo il proprio aquilone seguendo un percorso trekking».

Una curiosità: «Negli anni abbiamo anche realizzato in polietilene, un cestello per la raccolta per le olive, che abbiamo poi brevettato, essendo capace di garantire un minore attrito con le fronde degli alberi». Insomma, costruire aquiloni è sicuramente un’arte e Leonardo e Vanni sono oggi gli unici artigiani in Italia a conoscerne tutti i segreti e a metterli in pratica nel loro laboratorio made in Sesto.

LEGGI ANCHE: IL DOTTORE CHE FA INVIDIA CON LA SUA PRODUZIONE D’OLIO

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei