Controllo del territorio

Festa privata nel weekend con 12 ragazzi a Poggio a Caiano: in arrivo le sanzioni, aumentati i controlli

Aumentati i controlli nel weekend sul territorio del Comune di Poggio a Caiano con Polizia Municipale e forze dell'ordine: individuata una festa con 12 persone in barba al Dpcm.

Festa privata nel weekend con 12 ragazzi a Poggio a Caiano: in arrivo le sanzioni, aumentati i controlli
Cronaca Prato, 08 Marzo 2021 ore 17:45

Dopo l’ordinanza di sabato 6 marzo 2021 e il rafforzamento dei controlli anti assembramento su tutto il territorio, il Comune di Poggio a Caiano ha esteso anche la presenza della polizia municipale in supporto alle forze dell’ordine.

Rafforzati i controlli anti-assembramento a Poggio a Caiano

“Con i turni serali nel fine settimana, la Municipale interviene a fianco delle forze dell’ordine e in concerto con il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza coordinato dalla Prefettura di Prato. L’obiettivo duplice è quello di monitorare i comportamenti in giro per la città, prevenendo situazioni di rischio, e allo stesso tempo quello di fare attività educativa” spiega il comandante della polizia municipale di Poggio a Caiano, Giovanni Gangi.

In particolare nel fine settimana appena trascorso, gli agenti hanno individuato un gruppo di 12 ragazzi che si erano riuniti creando un assembramento in una proprietà privata e contravvenendo a quanto disposto dal dpcm in vigore. Al momento è in corso il procedimento che porterà ad elevare le sanzioni previste.

“Stiamo continuando a ricevere segnalazioni da parte dei cittadini nonostante il rafforzamento delle misure anche a livello locale e questo ci spinge a valutare di includere, a partire dal prossimo fine settimana, anche altre zone della città in cui sarà vietato lo stazionamento – aggiunge il sindaco Francesco Puggelli - Capisco che gli sforzi richiesti siano notevoli ma non è il momento di abbassare la guardia. Siamo sul filo della zona rossa e il messaggio deve essere forte e chiaro: gli sforzi vanno condivisi da tutti - giovani e meno giovani - per non rischiare di diventare vani. Non ci sarà mai un agente per ogni persona che si comporta in modo scorretto, per questo chiedo ancora ai miei concittadini massima attenzione e massima responsabilità. Senza dimenticare che, numeri alla mano, sono i comportamenti privati quelli che incidono di più sulla circolazione del virus. Ringrazio infine i nostri agenti per l’impegno profuso in un momento così delicato per la nostra comunità”.