SCHIANTO FATALE

E’ Andrea Bresci direttore del Museo “Gino Bartali” l’uomo deceduto insieme alla moglie nell’incidente di questa mattina

Originario di Bagno a Ripoli ma residente a Firenze come la moglie. Insieme a loro in macchina il nipote di 11 anni che si è salvato.

E’ Andrea Bresci direttore del Museo “Gino Bartali” l’uomo deceduto insieme alla moglie nell’incidente di questa mattina
Pistoia, 21 Luglio 2020 ore 15:31

Un volto noto è l’uomo rimasto vittima del tremendo incidente avvenuto questa mattina a Pracchia, lungo via Nazionale: si tratta di Andrea Bresci, direttore del museo “Gino Bartali” a Ponte a Ema.

E’ morto Andrea Bresci nel tragico incidente a Pracchia

La notizia si è diffusa rapidamente dopo gli interventi su strada di Vigili del Fuoco di San Marcello Pistoiese, 118, Croce Rossa e Carabinieri: nel terribile schianto di via Nazionale a Pracchia avvenuto nella mattinata di martedì 21 luglio, poco prima delle ore 12, ha perso la vita Andrea Bresci, 75 anni, personaggio notissimo nel mondo del ciclismo.

Originario di Bagno a Ripoli ma residente a Firenze come la moglie, Bresci era il direttore del museo “Gino Bartali” a Ponte a Ema, luogo “sacro” per gli estimatori di “Ginettaccio” e per tutto il ciclismo italiano. Un museo che ha vissuto momenti anche particolari, e difficili, ma comunque pur sempre un punto di riferimento per il movimento.

Un tragico epilogo, quello di Bresci, salito sulla montagna pistoiese assieme alla moglie ed al nipotino di 11 anni che è uscito superstite dallo schianto contro il muro, prima, ed il cancello, poi, di una abitazione lungo via Nazionale nel cuore del centro abitato di Pracchia. Nessun altra auto è rimasta coinvolta nell’incidente che, secondo una prima ricostruzione, pare sia stato provocato da un malore dello stesso Bresci.

Il terribile schianto non ha lasciato scampo alla moglie mentre il nipote è stato trasportato via a Careggi dal “Pegaso” intervenuto sul posto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità