Cronaca
individuati

Denunciati i quattro minorenni che hanno imbrattato gli interni della scuola "Vamba" di San Donnino

Concluse le indagini da parte dei Carabinieri che hanno portato alla denuncia di quattro minorenni che si sono resi responsabili degli imbrattamenti all'interno della scuola "Vamba" di San Donnino.

Denunciati i quattro minorenni che hanno imbrattato gli interni della scuola "Vamba" di San Donnino
Cronaca Piana Fiorentina, 13 Dicembre 2021 ore 17:33

Entrano in una scuola, imbrattano le aule e postano il video sui social. Quattro giovanissimi denunciati alla Procura dei Minori di Firenze per imbrattamento e danneggiamento in concorso.

Avevano imbrattato gli interni della scuola "Vamba", denunciati i quattro responsabili

Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Stazione di San Piero a Ponti, a conclusione delle indagini effettuate per l’individuazione dei responsabili di atti vandalici, consumati in due circostanze il 23 novembre e il 3 dicembre scorsi, all’interno dell’Istituto Comprensivo “Giorgio La Pira – Scuola Vamba”, nella frazione di San Donnino del comune di Campi Bisenzio, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Firenze quattro giovani, di età compresa tra i 14 e i 16 anni, residenti nella Piana fiorentina, ritenuti responsabili di “danneggiamento e imbrattamento in concorso”.

I quattro ragazzi, dopo aver forzato una porta a vetro scorrevole, si erano introdotti all’interno dell’istituto scolastico, interessato da lavori di ristrutturazione, e nei moduli utilizzati come aule provvisorie avevano svuotato un estintore prelevato dalla cassetta a muro, urinato nei corridoi, sparso acqua per terra e rovesciato sui pavimenti il materiale didattico trovato sulle cattedre.

Era chiaro l’intento di creare disagio sporcando le aule, forse per impedire il regolare inizio delle lezioni a causa delle necessarie operazioni di ripristino per la pulizia dei locali. Non soddisfatti, gli autori del gesto hanno postato sui social il filmato effettuato con un telefono cellulare, nel corso del secondo episodio, mentre imbrattavano le aule, divenuto in poco tempo virale.

Proprio tale filmato, acquisito dai Carabinieri, ha permesso di avviare immediatamente le indagini, grazie alle quali in tempi rapidi sono stati identificati i quattro minori autori del gesto che ora dovranno rispondere dell’accusa di danneggiamento e imbrattamento in concorso, fatta naturalmente salva la presunzione di non colpevolezza e tenendo conto della specificità del diritto penale minorile che mira a recuperare e a risocializzare piuttosto che a punire.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter