l’Ora illegale

Contrabbandavano orologi di lusso: sgominata banda internazionale

Le attività investigative sono nate a seguito del rinvenimento di due orologi di elevato valore tra gli effetti personali di un italiano in partenza per gli Stati Uniti.

Cronaca Firenze, 09 Marzo 2021 ore 09:36

Sono state eseguite tre misure cautelari e sequestrati 86 orologi grazie all'operazione "L'ora illegale" della Guardia di Finanza di Firenze.

IL VIDEO

Contrabbandavano orologi di lusso

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Firenze stanno dando esecuzione a un’ordinanza, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari dott.ssa Angela Fantechi, su richiesta del Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Firenze dott.ssa Christine Von Borries, con cui viene applicata la misura dell’obbligo di dimora nel comune di residenza/domicilio, il divieto di espatrio e l’obbligo di presentarsi giornalmente alla polizia giudiziaria nei confronti di tre persone per una ipotesi di associazione a delinquere a carattere transnazionale finalizzata al contrabbando aggravato di orologi di pregio.

Le attività investigative, condotte per circa due anni in perfetta sinergia tra il 1° Nucleo Operativo Metropolitano della Guardia di Finanza e la Sezione Operativa Territoriale dell’Agenzia delle Dogane dell’aeroporto “A. Vespucci” di Firenze-Peretola, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Firenze, sono nate a seguito del rinvenimento di due orologi di elevato valore tra gli effetti personali di un italiano in partenza per gli Stati Uniti. Dagli accertamenti svolti nell’immediato, gli orologi risultavano essere già stati ceduti a una società di Hong Kong, in regime di non imponibilità IVA in quanto diretti all’esportazione. Rinvenuti sul territorio nazionale, venivano sottoposti a sequestro per l’ipotesi di contrabbando.

In sei anni 50 milioni

Dal successivo sviluppo dell’indagine, emergeva che società di Hong Kong, riconducibili al cittadino fermato all’aeroporto e ad altra persona, con l’ausilio di un terzo soggetto, negli ultimi sei anni avevano acquistato numerosi orologi, per un valore complessivo di oltre 50 milioni di euro, da diversi negozi situati in diverse provincie italiane, ceduti poi direttamente sul territorio nazionale, in alcuni casi a seguito di rilevanti pagamenti in contanti.

L’attività, che il Giudice ha definito esser stata svolta “in modo professionale con organizzazione di mezzi e conoscenze”, vedeva effettivamente il transito della merce in un punto franco a Ginevra, ove un collaboratore di una ditta di spedizioni restituiva gli orologi ai componenti dell’associazione mentre le scatole proseguivano vuote il loro viaggio verso la Cina, per poi rientrare successivamente in Italia.

Sanzioni per oltre 800mila euro

Nel corso delle indagini, sono state effettuate diverse perquisizioni a seguito delle quali sono stati sequestrati 86 orologi di pregio per l’ipotesi di contrabbando, per un valore complessivo di circa 1 milione di euro, e sono state contestate una ventina di violazioni alla normativa valutaria per pagamenti in contanti sopra la soglia prevista dalla normativa anti-riciclaggio, con elevazione di sanzioni che nella misura intera oltrepassano gli 800.000 euro.

Contrabbandavano orologi di lusso