CRONACA

Carabinieri Forestali controllano l’uso di shoppers irregolari a Firenze: sanzioni per 15mila euro, sequestrati oltre 200 chili di buste

L’Arma dei Carabinieri, attraverso i reparti forestali, ha attivato una propria campagna di controlli al fine di verificare il corretto impiego delle buste in materiale plastico biodegradabili e compostabili.

Carabinieri Forestali controllano l’uso di shoppers irregolari a Firenze:  sanzioni per 15mila euro, sequestrati oltre 200 chili di buste
Cronaca Firenze, 22 Gennaio 2021 ore 10:32

L’Unione europea, dal 2017, ha introdotto obblighi in materia di riduzione dell’utilizzo di borse di plastica, al fine di diminuirne l’impatto sull’ambiente. Dunque la normativa nazionale ha approvato, dal 1° gennaio 2018, una nuova disciplina sulla commercializzazione delle “borse in plastica fornite ai consumatori per il trasporto di merci o prodotti”. In base allo spessore espresso in micron, alla percentuale di plastica riciclata ed alla loro biodegradabilità e compostabilità, la norma individua quali siano le borse in plastica commercializzabili, distinguendo tra borse in plastica “riutilizzabili” (non biodegradabili né compostabili) e borse in plastica “leggere” ed “ultraleggere” (utilizzate a fini di igiene ed imballaggio primario di alimenti sfusi), entrambe biodegradabili e compostabili. La fornitura di queste buste a titolo gratuito è vietata per disincentivarne l’utilizzo.

Sacchetti non conformi

Le stazioni Carabinieri forestali di Firenze, Borgo San Lorenzo e Ceppeto, nell’ambito della campagna di controlli disposta dal Gruppo Carabinieri Forestale di Firenze, hanno avviato una specifica attività di verifica del corretto impiego delle buste in materiale plastico biodegradabili e compostabili lungo tutta la filiera, al fine di contrastare eventuali comportamenti illeciti.
I controlli hanno interessato produttori, importatori, distributori e dettaglianti nel Comune di Firenze, al Mercato di Sant’Ambrogio ed al Mercato Ortofrutticolo di Novoli. I militari hanno riscontrato, per alcuni operatori, la non rispondenza delle buste ai requisiti di biodegradabilità e compostabilità ed hanno accertato l’assenza della prevista marcatura e dei requisiti richiesti per l’effettiva natura merceologica (spessore).

I militari hanno notificato dunque illeciti amministrativi per un importo di 15.000 Euro ed hanno sequestrato oltre 200 chili di buste irregolari.

Le buste biodegradabili e compostabili devono riportare elementi identificativi del produttore nonché marchi e diciture attestanti la loro biodegradabilità e compostabilità, certificata da organismi accreditati e riconosciuti. Spetta a chi li commercializza, accertarsi che i sacchetti siano conformi alle prescrizioni di legge.

La commercializzazione di sacchetti non conformi alle prescrizioni comporta una sanzione da 2.500 a 25.000 euro, il cui importo può aumentare se, ad esempio, la violazione riguarda ingenti quantitativi.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli