Menu
Cerca
CRONACA

Calleri, Fondazione Caponnetto: “Le forze dell’ordine e la magistratura possono agire celermente, ma prevenire è compito delle classi dirigenti che in Toscana hanno fallito”

“I nostri report, negli anni, ci hanno reso antipatici a molti, ma avevamo e abbiamo ragione. L’importante operazione antimafia di ieri mi auguro faccia aprire gli occhi alla classe politica e sociale della Toscana.

Calleri, Fondazione Caponnetto: “Le forze dell’ordine e la magistratura possono agire celermente, ma prevenire è compito delle classi dirigenti che in Toscana hanno fallito”
Cronaca Firenze, 16 Aprile 2021 ore 12:49

“I nostri report, negli anni, ci hanno reso antipatici a molti, ma avevamo e abbiamo ragione. L’importante operazione antimafia di ieri mi auguro faccia aprire gli occhi alla classe politica e sociale della Toscana. Ieri si è rotto, per molti, un tabù: i rapporti tra mafia e politica in Toscana, a prescindere che questi vengano o no giudicati un reato, non sta a noi dirlo, esistono”. Lo dichiara Salvatore Calleri presidente della Fondazione Antonino Caponnetto.

Le conferme

Molte le conferme arrivate da questa operazione:
– abbiamo avuto la conferma, lo diciamo da 8 anni, che abbiamo una nostra terra dei fuochi, con lo sversamento di 8000 tonnellate di rifiuti tossici;
– abbiamo avuto la conferma che le mafie mirano ad occupare le organizzazioni di categoria;
– abbiamo avuto la conferma che le mafie usano il porto di Livorno.
Lo diciamo da anni.

La classe politica toscana, buona parte, benché avvertita, se ne è fregata dei nostri allarmi fino al punto che oggi la Toscana è divorata dalla mafia. Le forze dell’ordine e la magistratura possono agire celermente come in questo caso, ma prevenire è compito delle classi dirigenti che in Toscana, purtroppo, hanno fallito”.