EMERGENZA COVID

Bugetti (Pd): «Le Usca presidio fondamentale sul territorio»

«Necessario continuare a svilupparle. Il loro un ruolo di cerniera. Professionisti giovani e volenterosi, grazie per il loro lavoro. Nei prossimi giorni un incontro anche coi medici di base»

Bugetti (Pd): «Le Usca presidio fondamentale sul territorio»
Cronaca Prato, 05 Dicembre 2020 ore 10:43

La consigliera regionale ieri ha incontrato gli operatori delle Usca pratesi.

Le Usca presidio fondamentale sul territorio

«Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale (Usca) sono un presidio fondamentale sul territorio e un aiuto prezioso che anche nei prossimi mesi sarà necessario continuare a sviluppare, come strumento di sostegno e di raccordo sia con i medici di medicina generale che con quelli ospedalieri».

È quanto afferma la consigliera regionale Pd Ilaria Bugetti, che ieri ha incontrato i professionisti sanitari impegnati nelle Usca pratesi sul fronte della lotta al Covid.

«Questo gruppo di medici e operatori sanitari, che lavorano in stretta collaborazione sia con i medici di base che con gli specialisti, hanno un ruolo di cerniera sul territorio – aggiunge Bugetti –. Si tratta di professionisti molto giovani e volenterosi, che rappresentano per i malati di Covid un sostegno serio e una speranza nel percorso di uscita della malattia. Li ringraziamo quindi per il grande lavoro che stanno facendo. Nell’ambito dell’emergenza, queste professionalità stanno acquisendo sul campo delle grandi competenze che potrebbero in futuro essere riconosciute anche come crediti per coloro che vogliano intraprendere dei percorsi nel mondo sanitario».

Nel territorio della provincia di Prato sono 35 i medici e 8 gli infermieri attivi nelle 7 Usca dell’area: 1 dedicata ai Covid hotel, 1 a Poggio a Caiano, 1 in Valbisenzio, le altre a Prato e sulle rsa. Nella settimana dal 13 al 19 novembre hanno seguito 226 casi mentre nell’ultima (dal 27 novembre al 3 dicembre) i casi sono stati 137.

«Il fatto che i casi siano diminuiti non deve far calare la prudenza – commenta Bugetti – ma, anzi, farci capire che è proprio questa la strada da seguire».

«Le Usca sono dotate di 6 emogas, ma c’è ancora bisogno di strumentazioni, come ecg o rx o ecografi portatili – rende noto la consigliera regionale –. Chi volesse dare una mano a sostenere l’attività delle Usca e, in generale, quella di contrasto all’emergenza Covid-19 portata avanti dalla Asl Toscana centro, può fare una donazione attraverso i canali attivati dall’azienda sanitaria (le informazioni sul sito web nella sezione “Donazioni Covid-19”)».

«Nell’ambito del confronto costante con tutti gli operatori del territorio impegnati nella lotta al Covid – fa sapere Bugetti – nei prossimi giorni sarà mia cura avere un incontro anche con i medici di medicina generale».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità